L’India ha deciso di multare le compagnie aeree che scaricano escrementi in volo

La decisione dopo la denuncia di un ex militare sulla cui abitazione, situata in prossimità di un aeroporto, si è abbattuta una pioggia di liquami

Di TPI
Pubblicato il 21 Dic. 2016 alle 10:32 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 23:17
0
Immagine di copertina

A quanto pare il problema della defecazione in India non riguarda solo l’abitudine di molti cittadini a espletare le proprie funzioni corporali per strada. Infatti, sembra che le compagnie aeree che volano nei cieli indiani scarichino in aria i liquami delle loro toilette.

Un cittadino indiano ha sporto denuncia dichiarando che gli aerei diretti all’aeroporto di Delhi scaricano le toilette sulle zone residenziali limitrofe causando una spiacevole pioggia di liquami.

Il tribunale indiano per l’ambiente, chiamato a esprimersi sulla questione, ha chiesto all’autorità nazionale per l’aviazione civile di assicurarsi che le compagnie aeree si adeguino alle corrette procedure di smaltimento e ha disposto che i velivoli vengano sottoposti a ispezioni a sorpresa per verificare che i serbatoi di scarico non risultino vuoti all’atterraggio.

La pena per i trasgressori è, tutto sommato, piuttosto modesta: 50mila rupie, poco più di 700 euro.

L’ufficiale indiano in pensione che ha innescato la reazione delle autorità competenti aveva denunciato che la terrazza della propria abitazione, situata appunto nei pressi dell’aeroporto di Delhi, era coperta di escrementi scaricati dagli aerei in fase di atterraggio. Va però detto che non è stato possibile verificare la provenienza dei liquami piovuti sulla casa dell’ex militare.

Normalmente, gli aeromobili accumulano i liquami in apposite cisterne che raccolgono i liquami delle toilette di bordo che vengono svuotate dopo l’atterraggio, ma le autorità internazionali per l’aviazione hanno ammesso che può succedere che i gabinetti perdano in volo.

— LEGGI ANCHE: Ecco come l’India ha deciso di fermare chi defeca in pubblico

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.