Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 01:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

In Cile la vittoria della destra alle elezioni presidenziali non è affatto scontata

Immagine di copertina
Credit: Afp

Il candidato di centrodestra Sebastián Piñera ha vinto il primo turno delle presidenziali, ma l'avanzata dei partiti di sinistra mette in dubbio il suo successo. Buon risultato per l'estrema destra vicina al pinochetismo

Domenica 19 novembre Sebastián Piñera ha vinto il primo turno delle elezioni presidenziali in Cile con poco più del 36 per cento dei voti.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Il consenso del candidato di centrodestra, già presidente dal 2010 al 2014, è stato contenuto dall’ottimo risultato dei due principali partiti di sinistra suoi rivali, che insieme sono riusciti a raccogliere il 43 per cento dei voti.

Al ballottaggio dovrà vedersela con Alejandro Guillier, il candidato della coalizione di centrosinistra che guida il paese dal 2014, che al primo turno ha ottenuto il 22,68 per cento dei voti, due punti in più rispetto alla principale candidata di sinistra, Beatriz Sànchez, che con un buon 20,28 per cento ha superato di molto le previsioni dei sondaggi pre-elettorali.

Piñera ha già annunciato di voler aprire un confronto con i centristi per recuperare terreno, ma l’ottimo risultato dei partiti di centrosinistra e sinistra anche alle elezioni per il rinnovo del Congresso, tenutesi lo stesso giorno delle presidenziali, potrebbe complicare i suoi piani.

“Cercheremo un sostegno dal centro, dalle persone che vogliono un Cile moderato”, ha annunciato Piñera. “Ascolteremo con umiltà ciò che la maggioranza dei cileni desidera.”

La vittoria del candidato di centrodestra, data per certa prima del voto del 19 novembre, è adesso meno scontata, come affermato dall’esperto di scienze politiche Kenneth Bunker a Reuters: “Si è aperta una fase di incertezza. Tutto il paese è sbalordito dall’uscita dei primi risultati.”

José Antonio Kast, il candidato indipendente di estrema destra e ammiratore dichiarato dell’ex dittatore Augusto Pinochet che è riuscito a raccogliere quasi l’otto per cento dei voti, ha invitato i suoi elettori a votare per Sebastián Piñera al secondo turno delle presidenziali. “Non chiediamo nulla in cambio”, ha giurato Kast.

Il buon risultato del candidato di estrema destra getta ombre sullo stato di salute della democrazia in Cile, governato dal 1973 al 1990 dal generale Augusto Pinochet, arrivato al potere dopo il golpe dell’11 settembre 1973 che portò alla deposizione del presidente Salvador Allende.

In un’intervista concessa a Bloomberg Kristina Mani, professoressa associata dell’Oberlin College, ha ricordato così gli anni del governo militare di Pinochet: “Negli anni della dittatura, dal 1973 al 1990, le forze governative condussero una repressione sistematica che ha ancora un peso nell’odierna società cilena. Contro ogni diritto civile e umano, quasi diecimila persone ‘sparirono’ (arrestate e mai rilasciate, con 2.279 omicidi accertati), 27mila furono torturate e altre 200mila condannate all’esilio.

E per i primi anni di governo democratico il generale Augusto Pinochet, tutelato dalla costituzione dopo la riforma da lui voluta, è rimasto alla guida dell’esercito, gettando un’ombra su tutti i leader politici eletti in quel periodo. Solo grazie all’istituzione di una commissione d’inchiesta e a testimonianze di documenti e persone si è arrivati a centinaia di condanne per crimini contro l’umanità.”

Ti potrebbe interessare
Esteri / Iran: uccisa con 6 proiettili la 20enne Hadis Najafi mentre manifestava per Mahsa Amini
Esteri / Russia: 800 manifestanti arrestati per le proteste contro la mobilitazione in tutto il Paese
Esteri / Corea del Nord lancia missile balistico nel mar del Giappone
Ti potrebbe interessare
Esteri / Iran: uccisa con 6 proiettili la 20enne Hadis Najafi mentre manifestava per Mahsa Amini
Esteri / Russia: 800 manifestanti arrestati per le proteste contro la mobilitazione in tutto il Paese
Esteri / Corea del Nord lancia missile balistico nel mar del Giappone
Esteri / Servizio militare, Putin: “Pene più dure a chi diserta o si arrende”. L’Ue: favorire asilo per chi scappa
Esteri / Josep Borrell: “Prendiamo sul serio minaccia nucleare di Putin”
Esteri / Yvon Chouinard: storia del fondatore di Patagonia, che ha deciso di donare la sua azienda per il clima
Esteri / Ucraina, missile russo su Zaporizhzhia: un morto e 7 feriti
Esteri / Morti oltre 80 migranti al largo della Siria. Le famiglie sul barcone cercavano di raggiungere l'Europa
Esteri / Morte della Regina: “Harry furioso per l’esclusione di Meghan da Balmoral”
Esteri / Il Cremlino avverte Kiev: “Dopo il referendum, ogni attacco in Donbass sarà contro la Russia”