Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Per le imprese britanniche impaurite dalla Brexit c’è la residenza estone virtuale

Immagine di copertina

La repubblica baltica, membro dell’Unione Europea dal 2004, ha istituito nel 2014 un programma per offrire ai cittadini stranieri una “residenza online” nel paese

Dopo il voto del 23 giugno che ha assegnato la vittoria del
referendum ai sostenitori della Brexit, il Regno Unito vede molte imprese locali
preoccupate per il futuro dei propri affari, che rischiano di peggiorare
notevolmente ora che i benefici commerciali dovuti all’Unione Europea sono destinati
a venire meno.

Alcuni degli imprenditori spaventati dalla prospettiva hanno
pensato a una soluzione particolarmente ingegnosa, che ha a che fare con un
piccolo paese dell’est Europa apparentemente molto distante – sia a livello
geografico che economico – dal Regno Unito: l’Estonia.

La repubblica baltica, membro dell’Unione Europea dal 2004,
ha infatti istituito nel 2014 un programma statale per offrire ai cittadini
stranieri una “residenza online” nel paese, che garantirebbe vantaggi sia per l’Estonia,
in grado di attrarre nuovi investitori, sia per questi ultimi, molto agevolati
dal punto di vista delle imposte.

Una volta diventati dei “residenti online”, è possibile
avviare il business di una compagnia in un solo giorno da amministrare dal
proprio paese d’origine, firmando tutti i documenti in via digitale, e con un’imposta
sugli utili non distribuiti pari allo zero per cento.

Nonostante il programma fosse attivo da circa due anni, è
dal 24 giugno 2016 che il sito ha ricevuto il maggior numero di visite, quando alcuni
cittadini britannici hanno fatto sì che le richieste di residenza estone online
salissero di dieci volte rispetto allo standard, secondo quanto dichiarato da Kaspar
Korjus, managing partner del programma.

Visto quest’improvviso aumento di interesse, il paese ha
deciso di creare addirittura un sito specifico dedicato agli applicanti
provenienti dal Regno Unito, con l’appropriato indirizzo howtostayin.eu (ovvero
“come restare nell’Unione Europea”).

Finora, il programma attivato nel 2014 ha attratto richieste
di circa 12mila e-residenze per mille aziende provenienti da 135 paesi diversi,
confermando un’attitudine alla tecnologia molto radicata nel paese, in cui già il
94 per cento delle dichiarazioni fiscali viene effettuato online.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"