Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:57
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Impiccati per stupro

Immagine di copertina

Cinque uomini in Afghanistan sono stati condannati a morte dopo aver aggredito e abusato sessualmente di quattro donne ad agosto

Le fecero scendere dall’auto, le derubarono, le picchiarono e le violentarono brutalmente.

Quattro donne, che rientravano da un matrimonio in Afghanistan lo scorso 23 agosto, sono state aggredite da sette uomini armati e travestiti da poliziotti.

Ora cinque degli aggressori di quello stupro sono stati condannati a morte, mentre altri due a venti anni di carcere. Lo ha confermato il ministero della Giustizia dell’Afghanistan.

“Cinque uomini coinvolti nei fatti di Paghman sono stati giustiziati questo pomeriggio”, ha confermato Rahmatullah Nazari, vice-procuratore generale.

A poco è servito l’appello di Amnesty International e dell’Onu contro la pena capitale. Non c’è stato ancora un commento ufficiale da parte del neo-eletto presidente Ashraf Ghani, oggetto di forti pressioni pubbliche per fermare le esecuzioni dopo essere salito al potere la settimana scorsa.

“Il verdetto della corte e’ stato applicato e tutti i condannati sono stati giustiziati, cinque del caso Paghman piu’ Habib Istalifi, a capo di una nota banda di sequestri”, ha dichiarato il vice-procuratore generale. L’esecuzione è avvenuta nella prigione di Pul-e-Charkhi, vicino a Kabul.

Lo stupro di gruppo di agosto ha provocato proteste in tutto il Paese e sono stati numerosi coloro che hanno chiesto l’impiccagione degli stupratori. L’ex presidente Hamid Karzai ha firmato le condanne a morte poco prima di lasciare il suo incarico.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza
Esteri / India, sequestrate tre tonnellate di eroina proveniente dall’Afghanistan
Esteri / Usa: marito e moglie No vax muoiono di Covid, dicevano che il vaccino è “un attacco ai diritti umani”
Esteri / Usa, il video shock degli agenti che frustano migranti al confine con il Messico
Esteri / La donna che sfida i talebani: “Mentre tutti scappano dall’Afghanistan, io ho scelto di rimanere per lottare”
Esteri / Russia, sparatoria all’università di Perm: gli studenti scappano dalle finestre. 8 morti
Esteri / Vince il partito di Putin. Timori su possibili brogli