Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:18
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Guru delle start-up massacrato da un killer: il suo corpo smembrato con una sega elettrica

Immagine di copertina
Fahim Saleh Credits: Twitter

Un uomo è stato trovato decapitato e smembrato con una sega elettrica nel suo lussuoso appartamento di New York lunedì 13 luglio. Si tratta del 33enne Fahim Saleh, imprenditore milionario bengalese fondatore della startup per motociclisti “Gokada”. Il suo efferato omicidio ha scosso gli Stati Uniti e il mondo tech.

Fahim è entrato in ascensore insieme al suo killer lunedì pomeriggio. Lo hanno ripreso le telecamere dell’edificio, ma l’uomo, coperto da occhiali, guanti e mascherina, non risulta riconoscibile. Quando l’imprenditore ha aperto la sua porta di casa, il killer lo ha assalito.

“Il criminale aveva una valigia. Era una persona molto professionale”, ha dichiarato una fonte della polizia al New York Daily News. Parti del suo corpo smembrato sono state trovate impacchettate in diversi sacchetti di plastica, la sega elettrica era ancora attaccata alla corrente. Questa la scena che si è trovata di fronte la sorella, la prima a giungere sul luogo del delitto, dopo aver tentato invano di contattare il fratello per tutta la giornata.

Il tronco dell’uomo era vicino alla sega elettrica, mentre la testa e gli arti in un altro punto dell’appartamento, scrive il New York Times. L’assassino ha pulito la scena del crimine, per coprire le sue tracce. Gli inquirenti stanno cercando di capire se sia stato costretto a fuggire a causa dell’arrivo della sorella della vittima, lasciando per questo la sega attaccata alla presa. In questo caso, potrebbe essere scappato da un’uscita secondaria.

Al momento sembra un assassinio senza movente. “Era molto intelligente, ambizioso e gentile”, ha dichiarato un amico al New York Daily News, “Era un self made man. Gli piaceva portare aziende tecnologiche in nazioni sottosviluppate tra cui Nigeria e Indonesia. Non ha mai detto di avere paura”.

Leggi anche: 1. Usa, quattro adolescenti aggrediscono una donna incinta e sua figlia: il video shock diventa virale sui social 2. Usa, infermiera killer confessa: “Uccidevo i miei pazienti con iniezioni letali di insulina” / 3. Regno Unito, violentata e uccisa da un suo amico: lei lo aveva respinto / 4. Annuncia il suicidio in diretta davanti a 400 utenti connessi: “Mi impicco”. Nessuno riesce a fermarlo

Ti potrebbe interessare
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Ti potrebbe interessare
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio