Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 20:16
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Regno Unito, violentata e uccisa da un suo amico: lei lo aveva respinto

Immagine di copertina

Regno Unito, violentata e uccisa da un suo amico: lei lo aveva respinto

Una 20enne è stata violentata e uccisa da un amico che lei aveva respinto: la vicenda, avvenuta poco meno di un anno fa nel Regno Unito, è tornata alla ribalta in questi giorni con l’inizio del processo a carico del ragazzo accusato di omicidio e violenza sessuale. Secondo quanto ricostruito nel corso delle indagini, il 18 settembre, la 20enne Keeley Bunker, questo il nome della vittima, e un suo amico, il 19enne Wesley Streete, si sono recati a un concerto di un rapper presso l’arena O2 di Birmingham. Una volta terminata l’esibizione, il ragazzo si è offerto di accompagnare a casa Keeley.

I due, dunque, hanno fatto rientro a Tamworth, cittadina nella contea di Staffordshire, dove la 20enne ha poi trovato la morte dopo essere stata violentata. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, Wesley avrebbe proposto alla vittima di appartarsi in un luogo isolato: al suo rifiuto, avrebbe abusato della 20enne per poi ucciderla tramite strangolamento. Il corpo seminudo della giovane è stato ritrovato in un bosco nei pressi della cittadina: ad inchiodare l’assassino è stato il Dna, ritrovato sul corpo della vittima. Il 19enne dapprima ha negato qualsiasi responsabilità, affermando di aver accompagnato la ragazza a casa e di averla lasciata viva, poi ha cambiato versione aggiungendo di aver fatto sesso con la ragazza, la quale secondo la sua versione era consenziente, e di averla inavvertitamente strangolata mentre lui le teneva il collo durante il rapporto. A inchiodare il 19enne, però, vi sono i segni sul corpo della vittima, che dimostrerebbero come la ragazza abbia tentato di liberarsi prima di morire.

Leggi anche: 1. Annuncia il suicidio in diretta davanti a 400 utenti connessi: “Mi impicco”. Nessuno riesce a fermarlo / 2. Naya Rivera è morta: la polizia ha trovato il corpo nel Lago Piru: “Ha salvato il figlio” 3. La misteriosa morte del prof di Crema appassionato di esoterismo: indagata la moglie

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Esteri / Instagram danneggia la salute mentale delle adolescenti. Facebook lo sa, ma non fa niente
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Esteri / Instagram danneggia la salute mentale delle adolescenti. Facebook lo sa, ma non fa niente
Esteri / “Il burqa non è nella nostra cultura”: la campagna social delle donne afghane contro i talebani
Ambiente / Mattanza di delfini alle isole Faroe per la tradizionale caccia Grindadrap
Esteri / Israele, morto per Covid il leader dei no vax. Anche dall’ospedale incitava i suoi: “Continuate le proteste”
Esteri / “Dopo l’assalto a Capitol Hill i militari tolsero a Trump l’accesso alle armi nucleari”
Esteri / La Corte europea dei diritti dell’uomo: il green pass “non viola i diritti umani”
Esteri / Incendio in Spagna: migliaia di persone in fuga dalle fiamme vicino alla Costa del Sol
Esteri / Patrick Zaki, prima udienza del processo a suo carico