Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Come è andato il vertice a 4 di Istanbul sulla guerra in Siria

Immagine di copertina
Credits: Agi

Turchia, Francia, Russia e Germania si sono impegnate per cercare una soluzione politica al conflitto nel paese, e nel preservare il cessate il fuoco nell'ultima roccaforte jihadista di Idlib

A 7 anni dall’inizio della guerra e del prolungato stallo in Siria, non è stata ancora trovata una soluzione al conflitto. Per questo motivo sabato 27 ottobre 2018 i leader di Turchia, Russia, Francia e Germania si sono incontrati a Istanbul in un vertice a 4 per discutere degli sviluppi del conflitto nel paese, con particolare riferimento al governatorato di Idlib, ultima roccaforte jihadista.

Nel documento conclusivo, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, l’omologo russo Vladimir Putin, il presidente francese Emmanuel Macron e la cancelliera tedesca Angela Merkel hanno chiesto di preservare il cessate il fuoco nella provincia ribelle di Idlib e cercare una “soluzione politica” alla guerra che sconvolge la Siria.

“Siamo determinati a lavorare insieme per creare condizioni favorevoli alla pace e alla sicurezza in Siria” e a “sostenere una soluzione politica e rafforzare il consenso internazionale a tale riguardo”, si legge nella nota. In caso di elezioni, spetta ai siriani “dall’interno e dall’esterno” decidere il destino di Assad, ha sottolineato Erdogan.

I quattro leader hanno anche chiesto “l’istituzione e riunione a Ginevra prima della fine dell’anno del Comitato costituzionale” che dovrebbe elaborare una nuova legge fondamentale, “se le condizioni lo consentiranno”.

Hanno poi sottolineato l’importanza “di assicurare l’accesso rapido, sicuro e senza restrizioni delle organizzazioni umanitarie in Siria”. Il vertice, inedito nel formato, vuole che si possano creare le “condizioni” per un ritorno “sicuro e volontario” dei rifugiati e degli sfollati siriani nelle loro case.

Macron ha invitato la Russia a “esercitare una pressione molto chiara sul regime siriano” del suo alleato Bashar al Assad, per assicurare un “cessate il fuoco stabile e duraturo a Idlib”. “Contiamo sulla Russia per esercitare una pressione molto chiara sul regime, che le deve la sua sopravvivenza”, ha concluso.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Donbass, schiaffo di Kiev a un giorno dall’annessione: Mosca ammette il ritiro da Lyman
Esteri / Nord Stream: “Esplosi 500 chili di tritolo. Bombe piazzate da robot di manutenzione”
Esteri / Russia, il rapper Walkie si toglie la vita per non andare in guerra
Ti potrebbe interessare
Esteri / Donbass, schiaffo di Kiev a un giorno dall’annessione: Mosca ammette il ritiro da Lyman
Esteri / Nord Stream: “Esplosi 500 chili di tritolo. Bombe piazzate da robot di manutenzione”
Esteri / Russia, il rapper Walkie si toglie la vita per non andare in guerra
Esteri / Con il nuovo reattore Olkiluoto-3 la Finlandia si aggiudica la centrale nucleare più potente d’Europa
Cronaca / Putin annette le regioni ucraine: “Saranno russe per sempre. Ora disposti a negoziare”
Esteri / Ucraina, sale la tensione a Zaporizhzhia: missili su un convoglio umanitario, 25 morti
Esteri / Nord Stream, 007 Russia: “Prove coinvolgimento Occidente in attacchi”. Grande nuvola di metano su Norvegia e Svezia
Esteri / Guerra in Ucraina, le intercettazioni dei soldati russi: “Putin è un idiota. Ci ordinano di uccidere tutti”
Esteri / Non solo il velo: la rivolta in Iran assume le dimensioni di una vera lotta di classe
Esteri / Afghanistan, attentato in una scuola di Kabul: almeno 19 morti e 27 feriti