Covid ultime 24h
casi +23.225
deceduti +993
tamponi +226.729
terapie intensive -19

Gruppi armati hanno impedito l’instaurazione di un governo provvisorio a Timbuktu

Il vuoto di potere aveva esposto il nord del Mali a infiltrazioni terroristiche. I separatisti Tuareg guidano la resistenza nei confronti delle autorità

Di TPI
Pubblicato il 6 Mar. 2017 alle 13:45 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 08:22
0
Immagine di copertina

Gruppi armati hanno impedito l’instaurarsi di un governo provvisorio a Timbuktu. Gli scontri sono avvenuti il 6 marzo nella città del Mali e secondo i residenti sarebbero stati esplosi anche dei colpi di arma da fuoco. Banche, scuole e negozi sono stati chiusi.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come.

Il colonnello Abdoulaye Sidibe, portavoce del ministero della Difesa, ha riferito che i gruppi si trovano attorno alla città. Le autorità di stato avrebbero dovuto ottenere il controllo della città dopo un lungo periodo di vuoto governativo che aveva esposto il paese a infiltrazioni terroristiche.

L’instabilità nel nord del Mali è stata originata dopo che separatisti Tuareg e jihadisti avevano deposto molti rappresentanti del governo. Un accordo di pace aveva poi permesso di avviare la fase che avrebbe dovuto riportare le autorità al potere. 

Il processo era andato a buon fine in località come Gao, Menaka e Kidal. Le opposizioni si sono però fatte sentire a Timbuktu e la fazione Tuareg Consiglio della giustizia per Azawad ha guidato la resistenza.

Quando le autorità temporanee riusciranno a ottenere il controllo della città, dovrebbero rimanere in carica fino alle elezioni regionali. Il Mali continua comunque ad attraversare un periodo di forti difficoltà dovuto al banditismo e agli attacchi terroristici che gli interventi internazionali non sono riusciti ad arginare.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.