Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:27
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Gran Bretagna: cade a terra e muore perforata da una cannuccia di metallo

Immagine di copertina

Gran Bretagna: cade a terra e muore perforata da una cannuccia di metallo

Muore perforata da una cannuccia di metallo: è l’incredibile vicenda accaduta a una donna in Gran Bretagna.

A ricostruire la storia è il quotidiano Daily Mail.

È il 22 novembre del 2018 quando Elena Struthers-Gardner, questo il nome della vittima, una fantina in pensione di 60 anni, viene trovata a terra, priva di sensi, nella sua abitazione a Poole nel Dorset, dalla moglie Mandy.

La donna, secondo quanto raccontato dalla coniuge, era distesa sul pavimento ed emetteva strani suoni con la bocca. Quando ha chiamato i soccorsi, la moglie si è resa conta che Elena aveva una cannuccia che le aveva perforato l’occhio sinistro.

Portata all’ospedale di Southampton nell’Hampshire, la donna è deceduta il giorno seguente.

La notizia è trapelata solamente ora che sono state definitivamente chiuse le indagini, che hanno ricostruito minuziosamente la vicenda.

Elena Struthers-Gardner era nella sua abitazione con un barattolo di vodka e succo d’arancia e una cannuccia di metallo al suo interno, quando è collassata a terra. Nella caduta, la cannuccia le ha perforato l’occhio sinistro, provocandole una lesione al cervello.

La donna, infatti, aveva problemi di mobilità causati da una caduta da cavallo, avvenuta anni prima. La donna, infatti, aveva subito diverse fratture alla colonna vertebrale lombare, che spesso le facevano perdere l’equilibrio all’improvviso.

Secondo quanto affermato dal dottor David Parham, che ha effettuato l’autopsia, l’ex fantina è deceduta a causa di una “lesione traumatica al cervello provocata dalla cannuccia penetrata attraverso la palpebra sinistra e il bulbo oculare sinistro”.

Sia l’ispettore di polizia Wayne Seymour che il personale medico che ha provato a salvare la vita alla donna hanno dichiarato di non aver mai visto nulla del genere nel corso della loro carriera.

Le cannucce plastic free in Inghilterra stanno avendo sempre più successo, ma nessuno poteva di certo immaginare che si potessero trasformare in un’arma letale.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”
Esteri / Elon Musk sulla crisi demografica in Italia: “Se continua così non ci saranno più italiani”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”
Esteri / Elon Musk sulla crisi demografica in Italia: “Se continua così non ci saranno più italiani”
Economia / Soros scrive a Draghi: “Tasse sul gas russo per punire Putin”
Esteri / Strage in Texas, la rabbia del coach Nba Steve Kerr che irrompe in conferenza stampa: “Non parlerò di basket”
Esteri / "Ha una protesi": il video che alimenta nuovi dubbi sullo stato di salute di Vladimir Putin
Esteri / Strage in Texas, il momento in cui il killer entra nella scuola elementare | VIDEO
Esteri / Stati Uniti, 18enne apre il fuoco in una scuola elementare: uccise 21 persone, tra cui 19 bambini
Esteri / Lo sfogo della rifugiata ucraina scappata con l’uomo che l’aveva accolta: “Non sono una sfasciafamiglie”
Esteri / Guerra in Ucraina, forze russe avanzano a est: “Sfondate difese ucraine nel Luhansk”. USA, stop all'esenzione: più vicino il default russo