Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:37
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Per la prima volta in Canada la metà dei ministri sono donne

Immagine di copertina

Justin Trudeau ha annunciato un governo formato da 15 uomini e 15 donne. Ci sono anche due ministri nativi americani e tre politici Sikh

Il Canada avrà per la prima volta nella storia un governo perfettamente equilibrato fra uomini e donne. Il nuovo primo ministro canadese, Justin Trudeau, ha presentato la sua innovativa squadra di governo nella giornata di mercoledì 4 novembre.

Nel nuovo governo, Trudeau ha voluto che ci fossero 15 donne e 15 uomini. La maggior parte dei ministri ha meno di 50 anni. Il team di Trudeau rifletterà, inoltre, la diversità etnica del Paese con due ministri appartenenti alle comunità native americane e tre politici Sikh. 

Alla domanda sul perché avesse scelto di formare un governo con una perfetta parità di genere, Trudeau ha risposto semplicemente: “perché siamo nel 2015”. Il premier ha poi detto di aver voluto comporre una squadra di governo che “ad immagine del Canada”.

Trudeau ha vinto le elezioni federali del 19 ottobre e, all’età di 43 anni, è il secondo più giovane primo ministro del Paese.

(Il video in cui il neoeletto Justin Trudeau risponde alla domanda sul perché di un governo con parità di genere.)

Le donne ministro occuperanno posizioni importanti. L’ex giornalista Chrystia Freeland, sarà ministro del Commercio internazionale, mentre Maryam Monsef, fuggita dall’Afghanistan a vent’anni, sovrintenderà il programma di riforme democratiche del Paese. 

Dopo quasi dieci anni di governo del conservatore Stephen Harper, il leader dei liberali, Justin Trudeau vorrebbe apportare un deciso cambiamento al Canada e e ha dichiarato: “lavorerò sodo per assicurare al Paese un futuro migliore”. 

Tra le promesse elettorali, c’è il ritiro delle forze canadesi dalla coalizione anti-Isis guidata dagli Stati Uniti, l’accoglienza nel Paese di circa 25mila rifugiati siriani entro la fine del 2015, e l’implementazione di un’inchiesta nazionale sulla scomparsa e l’uccisione di molte donne indigene. 

Justin Trudeau è il figlio dell’ex primo ministro Pierre Elliott Trudeau, il premier più a lungo in carica della storia del Canada e noto per l’elevato numero di consensi definito all’epoca “trudeaumania”.

Trudeau è andato a giurare in autobus insieme alla sua famiglia, dopo la cerimonia si è fermato a fare dei selfie con la folla.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Terrore a bordo, ubriaco tenta di aprire il portellone dell’aereo in volo: “Ci vediamo in paradiso”
Esteri / Tensioni in Kenya dopo le elezioni presidenziali: Odinga contesta la vittoria di Ruto
Esteri / L'ambientalista statunitense Erin Brockovich multata per aver annaffiato troppo spesso il giardino
Ti potrebbe interessare
Esteri / Terrore a bordo, ubriaco tenta di aprire il portellone dell’aereo in volo: “Ci vediamo in paradiso”
Esteri / Tensioni in Kenya dopo le elezioni presidenziali: Odinga contesta la vittoria di Ruto
Esteri / L'ambientalista statunitense Erin Brockovich multata per aver annaffiato troppo spesso il giardino
Esteri / I cani mangiano il biglietto vincente della lotteria, coppia riesce a riscuotere il premio
Esteri / Si taglia i genitali mentre dorme: stava sognando di affettare la carne
Esteri / In Scozia tamponi e assorbenti diventano gratuiti nei luoghi pubblici
Esteri / Panico a Shanghai: scatta l’ordine di quarantena all’Ikea, le persone fuggono dal negozio | VIDEO
Esteri / Myanmar, San Suu Kyi condannata ad altri sei anni carcere
Esteri / Egitto, incendio in una chiesa copta a Giza: almeno 41 i morti
Esteri / Taiwan, dopo Nancy Pelosi arriva a sorpresa sull’isola un’altra delegazione del Congresso Usa