Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Gommone con 38 migranti rintracciato e riportato in Libia in un centro bombardato

Immagine di copertina
Il centro di Tajoura bombardato

L'intervento della Guardia costiera a 65 chilometri da Tripoli

Gommone di migranti riportato in Libia

La Guardia costiera libica ha rintracciato e riportato in Libia un gommone con 38 migranti a bordo. Adesso i migranti, per la maggior parte egiziani, si trovano nel centro di detenzione di Tajoura, che è stato bombardato nelle scorse settimane dalle forze dell’Esercito nazionale libico guidato dal maresciallo Khalifa Haftar.

Secondo quanto riportato da Associated Press, il portavoce della Guardia costiera Ayoub Gassim ha dichiarato che il gommone è stato fermato ieri 65 chilometri a est della capitale Tripoli.

Ovvero, prima che il gommone riuscisse ad avvicinarsi all’Europa.

Il 3 luglio un raid aereo contro il centro di detenzione di Tajoura, a Tripoli, ha causato, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, la morte di 53 persone e il ferimento di altre 130.

La guerra in Libia

Ad aprile l’Esercito nazionale libico, guidato dal maresciallo Khalifa Haftar, ha lanciato un’offensiva contro Tripoli, sede del Governo di accordo nazionale (GNA) riconosciuto dalle Nazioni Unite guidato da Fayez al-Serraj.

A cento giorni dall’inizio degli scontri nei pressi di Tripoli almeno 1.093 persone, tra cui 106 civili, sono morte. E 5.752, tra cui 294 civili, sono rimasti feriti nella capitale libica. Sono i dati dell’ufficio in Libia dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Secondo l’Unhcr, a Tripoli ci sono almeno 120mila sfollati.

> Tutto quello che c’è da sapere sulla guerra in Libia

Francia, Egitto ed Emirati Arabi Uniti starebbero potenziando le forze fedeli al maresciallo Khalifa Haftar.

L’uomo forte della Cirenaica è impegnato ad assediare Tripoli. Nella Capitale ha sede il Governo di Accordo Nazionale riconosciuto dalle Nazioni Unite e guidato da Fayez al-Serraj.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie. Zelensky: “Fase finale della guerra sarà la più sanguinosa”
Esteri / Vaiolo delle scimmie, l’Oms avverte: “Quadro in rapida evoluzione”
Esteri / Sparatoria in una scuola in Germania: almeno un ferito, fermato un sospetto
Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie. Zelensky: “Fase finale della guerra sarà la più sanguinosa”
Esteri / Vaiolo delle scimmie, l’Oms avverte: “Quadro in rapida evoluzione”
Esteri / Sparatoria in una scuola in Germania: almeno un ferito, fermato un sospetto
Esteri / La gaffe di George W. Bush: “La brutale invasione dell’Iraq… volevo dire “dell’Ucraina” | VIDEO
Esteri / Guerra in Ucraina, Google chiude i suoi uffici in Russia
Esteri / Guerra in Ucraina, telefonata tra i capi di Stato maggiore di Usa e Russia. Mosca: "Pronti per ripresa negoziati". Erdogan: no a Svezia e Finlandia nella Nato.
Esteri / Il giornalista russo Solovyov ancora contro Draghi: “Non lo ha eletto nessuno”
Esteri / Giappone, 24enne riceve per errore 340mila euro di aiuti per il Covid e se li gioca tutti al casinò
Esteri / Ucraina, soldato russo “ha chiuso la famiglia in uno scantinato e stuprato una ragazza”
Esteri / Drone russo sgancia una granata dentro a un bicchiere di plastica | VIDEO