Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:28
Pirelli Summer Promo
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Golpe Venezuela, scontri a Caracas: 1 morto e 99 feriti

Immagine di copertina
Credit: AFP

Golpe Venezuela – Aggiornamento 1 maggio 2019 – Nel caos del Venezuela è morta 1 persona. I feriti sono 99. Sono ore di caos in Venezuela dopo l’appello lanciato dal leader dell’opposizione Juan Guaidò al popolo e ai militari per far cadere il presidente Nicolas Maduro.

S&D

Intanto l’autoproclamato presidente Guaidò non intende arretrare, come abbiamo riportato qui. “Andremo avanti con più forza che mai“. Ed è crisi Russia-USA: “Non vi intromettete” (qui l’articolo).

Venezuela, Guaidò lancia un appello per la rivolta militare

Ma andiamo con ordine. I fatti: Il culmine della tensione si è raggiunto quando alcuni blindati dell’esercito del Venezuela hanno investito dei dimostranti riuniti nei pressi della base militare La Carlota, nella capitale Caracas, secondo quanto si vede nelle immagini trasmesse dalla BBC.

La crisi politica nel paese latinoamericano va avanti ormai da mesi, da quando Guaidò, presidente dell’Assemblea nazionale venezuelana, ha definito illegittimo il governo chavista e cercato di assumere ad interim il potere.

Nonostante l’appoggio di molte cancellerie internazionali, però, Guaidò non è ancora riuscito a rovesciare Maduro né a convincere la totalità dell’esercito a schierarsi dalla sua parte.

Il sostegno dei militari infatti è fondamentale per la riuscita di un regime change (o di un colpo di Stato, come affermano i critici) nel paese latinoamericano.

La situazione attuale tuttavia dimostra che una parte dell’esercito, probabilmente maggioritaria, non è disposta a voltare le spalle all’attuale presidente e ad appoggiare quindi un “colpo di Stato in Venezuela”.

Guaidò tuttavia si è fatto riprendere nel video-appello pubblicato il 30 aprile circondato da alcuni soldati armati nella base aerea di La Carlota, nella capitale Caracas. Insieme a lui, anche Leopoldo Lopez, fuggito dai domiciliari grazie all’intervento dei militari.

La risposta del governo guidato da Nicolas Maduro non si è fatta attendere: i chavisti hanno definito un “colpo di Stato” le azioni portate avanti da Guaidò, additato spesso in passato come una marionetta nelle mani di potenze straniere, Stati Uniti in primis.

I chavisti hanno anche sminuito l’importanza di quanto sta accadendo a Caracas, affermando che operazioni “sono già in corso” per sventare il tentativo di golpe di Guaidò.

Subito dopo l’appello del leader dell’opposizione tuttavia si sono registrati alcuni scontri tra sostenitori di Guaidò e forze dell’ordine nei pressi della base militare di La Carlota. Si sono uditi degli spari e sono stati anche lanciati lacrimogeni contro la folla: secondo i media internazionali vi sarebbe anche un ferito.

A rassicurare sulla tenuta del governo di Maduro è stato anche il ministro della Difesa, Vladimir Padrino, che ha affermato che la situazione “è sotto controllo e che la Fuerza Armada Nacional Bolivariana (Fanb resta ferma nella difesa della Costituzione”.

Con il passare delle ore commenti sono arrivati anche dagli Stati che nei mesi precedenti avevano espresso il loro sostegno a Guaidò. Gli unici ad aver preso le parti del leader dell’opposizione questa volta sono stati unicamente gli Stati Uniti, mentre l’Ue ha lanciato un appello alla calma.

Venezuela, le reazioni internazionali alle nuove proteste
Ti potrebbe interessare
Esteri / Violenza e diritti umani in Colombia: da Montecitorio il sostegno alla Comunità di Pace di San José de Apartadó
Esteri / Regno Unito, due cavalli corrono liberi nel centro di Londra: almeno una persona ferita
Esteri / Esclusivo – Viaggio nell’Europa rurale, dove l’estrema destra avanza sfruttando il senso di abbandono
Ti potrebbe interessare
Esteri / Violenza e diritti umani in Colombia: da Montecitorio il sostegno alla Comunità di Pace di San José de Apartadó
Esteri / Regno Unito, due cavalli corrono liberi nel centro di Londra: almeno una persona ferita
Esteri / Esclusivo – Viaggio nell’Europa rurale, dove l’estrema destra avanza sfruttando il senso di abbandono
Esteri / Gaza: oltre 34.260 morti dal 7 ottobre. Israele richiama due battaglioni di riservisti da inviare nella Striscia. Cisgiordania, Idf: "Uccisa una donna palestinese che ha tentato di accoltellare alcuni soldati". Continuano gli scambi di colpi tra Tel Aviv e Hezbollah al confine con il Libano. Anche l'Ue chiede un'indagine indipendente sulle fosse comuni a Khan Younis
Esteri / Gaza: oltre 34.180 morti. Hamas chiede un'escalation su tutti i fronti. Tel Aviv nega ogni coinvolgimento con le fosse comuni di Khan Younis. Libano, Idf: "Uccisi due comandanti di Hezbollah". Il gruppo lancia droni su due basi in Israele. Unrwa: "Impedito accesso ai convogli di cibo nel nord della Striscia"
Esteri / Gaza, caso Hind Rajab: “Uccisi anche i due paramedici inviati a salvarla”
Esteri / Suoni di donne e bambini che piangono e chiedono aiuto: ecco la nuova “tattica” di Israele per far uscire i palestinesi allo scoperto e colpirli con i droni
Esteri / Francia, colpi d'arma da fuoco contro il vincitore di "The Voice 2014": è ferito
Esteri / Gaza, al-Jazeera: "Recuperati 73 corpi da altre tre fosse comuni a Khan Younis". Oic denuncia "crimini contro l'umanità". Borrell: "Israele non attacchi Rafah: provocherebbe 1 milione di morti". Macron chiede a Netanyahu "un cessate il fuoco immediato e duraturo". Erdogan: "Evitare escalation". Usa: "Nessuna sanzione per unità Idf, solo divieto di ricevere aiuti"
Esteri / Raid di Israele su Rafah: ventidue morti tra i quali nove bambini