Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 04:32
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Chi è Juan Guaidò, il leader dell’opposizione che si è autoproclamato presidente del Venezuela

Immagine di copertina
Credit: Afp

Juan Guaidò, che il 23 gennaio si è autoproclamato presidente del Venezuela, fino a poche settimane fa era un perfetto sconosciuto, o quasi. Ingegnere di 35 anni, ex deputato dello stato costiero di Vergas, lo scorso 5 gennaio è diventato presidente dell’Assemblea Nazionale, il Parlamento fondato dopo le elezioni del 2015 e controllato dalle opposizioni ma che negli ultimi due anni Nicolas Maduro ha svuotato di potere.

In un comizio tenuto l’11 gennaio a Caracas, Guaidò aveva definito Maduro un usurpatore.

“Non siamo vittime, siamo sopravvissuti. E guideremo questo paese verso la gloria che si merita”, aveva dichiarato dicendosi pronto a mettersi a capo di un governo di transizione che mettesse fine al potere del presidente venezuelano, insediatosi al suo secondo mandato in sei anni come capo della Repubblica bolivariana dopo avere vinto le elezioni con il 70 per cento dei voti. Alla cerimonia di insediamento dell’erede di Chavez, erano assenti molti capi di Stato, che si erano rifiutati di riconoscere Maduro come nuovo presidente del Venezuela.

 

guaidò

Guaidò muove i primi passi in politica nel 2007 durante le manifestazioni studentesche contro Chavez. Inizia a fare parte del movimento dell’opposizione sostenuto da Leopoldo Lopez, il mentore, agli arresti domiciliari e bandito dalla politica dal 2014, che lo aveva indicato come possibile leader dell’Assemblea nazionale. Guaidò ha alcune cicatrici sul collo e sostiene che siano state provocate da proiettili di gomma sparati dalla polizia durante una manifestazione anti-governativa a Caracas nel 2017.

Membro del partito Voluntad Popular, è consapevole dei rischi che corre perché Maduro, che ha già esautorato i poteri del parlamento, potrebbe dichiararne le scioglimento, arrestarlo e scatenare una violenta repressione contro gli oppositori. “So che ci saranno conseguenze per riuscire a compiere questa missione e ristabilire la Costituzione occorre il consenso di tutti i venezuelani”, ha detto alla folla mentre si autoproclamava presidente.

Un video, risalente allo scorso 13 gennaio, mostrerebbe Guaidò mentre viene fermato in strada da un gruppo di agenti delle forze dell’ordine.

ll leader dell’opposizione, insieme a due giornalisti della Cnn che stavano seguendo la storia, sarebbero stati fermati e rilasciati dopo due ore.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La tregua a Gaza è più lontana. Hezbollah: “Soldati israeliani tentano infiltrazione in Libano”. Hamas: “Non sappiamo quanti sono gli ostaggi ancora vivi”
Esteri / Riprendono a Il Cairo i negoziati di pace, Israele per il momento non va: "Prima la lista degli ostaggi vivi"
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Ti potrebbe interessare
Esteri / La tregua a Gaza è più lontana. Hezbollah: “Soldati israeliani tentano infiltrazione in Libano”. Hamas: “Non sappiamo quanti sono gli ostaggi ancora vivi”
Esteri / Riprendono a Il Cairo i negoziati di pace, Israele per il momento non va: "Prima la lista degli ostaggi vivi"
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Esteri / L’economista Zamagni a TPI: “Oggi le guerre sono figlie della ribellione del Sud Globale all’Occidente”
Esteri / Bombardamenti israeliani nel centro di Gaza: 17 morti. L'allarme dell'Oms: "Nella Striscia rischio carestia"
Esteri / Papa Francesco: “L’ideologia del gender è il pericolo più brutto”
Esteri / Strage di civili a Gaza: il filmato dei palestinesi accalcati intorno ai camion degli aiuti
Esteri / Nella Striscia di Gaza si sta consumando una catastrofe umanitaria senza precedenti
Esteri / Putin: “L’Occidente rischia di provocare una guerra nucleare che devasterebbe la civiltà”
Esteri / Macron dopo la strage della farina: “Orrore a Gaza, cessate il fuoco subito e aiuti”. Borrell: "Inorridito da massacro"