Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:41
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Due giornalisti dominicani uccisi durante un Facebook Live

Immagine di copertina

Alcuni uomini armati hanno fatto irruzione nella sede di una radio locale e hanno sparato alle vittime mentre andava in onda il loro programma

Due giornalisti radiofonici sono stati uccisi nella Repubblica dominicana durante un Facebook Live, martedì 14 febbraio 2017. Alcuni uomini armati hanno fatto irruzione nella mattinata presso gli uffici dell’emittente FM 103.5 e hanno sparato a Luis Manuel Medina, presentatore del giornale radio Milenio Caliente, e al produttore e regista del programma Leo Martinez.

Anche la segretaria della stazione radiofonica Dayaba Garcia è rimasta ferita durante la sparatoria ed è stata trasportata in ospedale.

La polizia dominicana ha riferito che l’episodio è avvenuto a San Pedro de Macoris, una cittadina  circa 70 chilometri a est della capitale. Durante il live trasmesso attraverso Facebook, si potevano sentire i colpi di arma da fuoco e una donna che gridava “Spari! Spari! Spari!”.

Tre uomini sono stati fermati ma nessuno di loro è stato formalmente accusato e non sono chiare le ragioni del gesto. Milenio Caliente è un programma locale molto popolare, noto per la sua vivace analisi politica e le campagne sociali. Negli ultimi tempi, Medina aveva denunciato l’inquinamento di Laguna Mallen, un’area lacustre protetta.

Il duplice omicidio è un caso senza precedenti di attacco contro i media. Ma se le uccisioni di giornalisti sono un fenomeno raro nella Repubblica dominicana, è comune invece l’intimidazione, in un paese in cui il crimine organizzato e la corruzione sono piuttosto diffusi.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, assalto al Congresso dell’Arizona contro la sentenza anti-aborto: la polizia usa lacrimogeni contro i manifestanti
Esteri / Diritto all’aborto abolito negli Usa, Trump: “È la volontà di Dio”. Biden: “Decisione crudele”
Esteri / Guerra in Ucraina. Kiev: "Da Bielorussia missili contro Chernihiv". Putin: "Armeremo Minsk". Di Maio: "Se fermiamo la resistenza Putin arriverà fino ai confini Ue"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, assalto al Congresso dell’Arizona contro la sentenza anti-aborto: la polizia usa lacrimogeni contro i manifestanti
Esteri / Diritto all’aborto abolito negli Usa, Trump: “È la volontà di Dio”. Biden: “Decisione crudele”
Esteri / Guerra in Ucraina. Kiev: "Da Bielorussia missili contro Chernihiv". Putin: "Armeremo Minsk". Di Maio: "Se fermiamo la resistenza Putin arriverà fino ai confini Ue"
Esteri / Usa, la Corte suprema cancella la sentenza sul diritto all’aborto
Esteri / Chiusa l’inchiesta Onu sulla morte della giornalista Shireen Abu Akleh: “Uccisa dalle forze israeliane”
Esteri / Usa, sentenza shock: la Corte suprema elimina altre restrizioni sul porto di pistole e fucili
Esteri / ESCLUSIVO – Parla il dissidente turco Osman Kavala: “Erdogan e Putin sono simili, ma l’Ue non sbagli con il Sultano”
Cronaca / Malta, subisce un aborto spontaneo ma i medici si rifiutano di operarla: turista americana rischia la vita
Esteri / Exclusive: Erdogan is just like Putin but there’s no need to impose sanctions, Osman Kavala says
Esteri / Medvedev attacca i leader Ue: "Sono di basso livello, è chiaro a tutti che Draghi non è Berlusconi"