Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Un giornalista turco è stato arrestato per colpa di un tweet a Istanbul

Immagine di copertina

Ahmet Sik è accusato di vilipendio dello stato e di aver diffuso propaganda terroristica con i suoi tweet e i suoi articoli per il quotidiano d'opposizione Cumhuriyet

La polizia turca ha arrestato un noto giornalista in relazione alla sua attività sui social media giovedì 29 dicembre 2016 a Istanbul.

Ahmet Sik, un giornalista investigativo, ha fatto sapere su Twitter di essere stato fermato “per via di un tweet”. 

Secondo l’agenzia di stampa statale Anadolu sarà accusato di aver diffuso propaganda terroristica e di vilipendio dello stato, del sistema giudiziario, delle forze armate e della polizia attraverso i suoi tweet e i suoi articoli per il quotidiano d’opposizione Cumhuriyet, già nel mirino del giro di vite sui dissidenti voluto dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

I post cui fa riferimento Anadolu riguardavano prevalentemente la lotta del governo contro i militanti del Partito dei lavoratori curdi (Pkk), mentre un altro affrontava la questione dell’omicidio dell’ambasciatore russo ad Ankara.

Baris Yarkadas, un deputato appartenente alla principale formazione d’opposizione, il Partito popolare repubblicano, ha detto di aver parlato con Sik e ha confermato che l’uomo è accusato di propaganda terroristica.

Secondo il Committee to Protect Journalists (Cpj) sono almeno 81 i giornalisti in custodia in Turchia e oltre 130 tra giornali ed emittenti sono stati chiusi dal tentativo di colpo di stato di luglio. Reporter e scrittori arrestati negli ultimi mesi in Turchia sono perlopiù accusati proprio di diffondere propaganda terroristica. 

Inoltre, oltre 110mila persone, la stragrande maggioranza delle quali impiegate nel settore pubblico, sono state arrestate, sospese o licenziate per presunti legami con il movimento gulenista, accusato di essere il motore del fallito golpe.

Lo stesso Sik è sempre stato critico nei confronti dell’eponimo del movimento, Fethullah Gulen. Nel 2011 fu arrestato per un anno proprio a causa di un libro sulla vita del religioso.

— LEGGI ANCHE: Un barista è stato arrestato per aver detto che non servirebbe mai un tè a Erdogan

Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”
Esteri / Elon Musk sulla crisi demografica in Italia: “Se continua così non ci saranno più italiani”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”
Esteri / Elon Musk sulla crisi demografica in Italia: “Se continua così non ci saranno più italiani”
Economia / Soros scrive a Draghi: “Tasse sul gas russo per punire Putin”
Esteri / Strage in Texas, la rabbia del coach Nba Steve Kerr che irrompe in conferenza stampa: “Non parlerò di basket”
Esteri / "Ha una protesi": il video che alimenta nuovi dubbi sullo stato di salute di Vladimir Putin
Esteri / Strage in Texas, il momento in cui il killer entra nella scuola elementare | VIDEO
Esteri / Stati Uniti, 18enne apre il fuoco in una scuola elementare: uccise 21 persone, tra cui 19 bambini
Esteri / Lo sfogo della rifugiata ucraina scappata con l’uomo che l’aveva accolta: “Non sono una sfasciafamiglie”
Esteri / Guerra in Ucraina, forze russe avanzano a est: “Sfondate difese ucraine nel Luhansk”. USA, stop all'esenzione: più vicino il default russo