Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il Giappone deve risarcire 22mila cittadini per l’eccessivo rumore dei militari Usa a Okinawa

Immagine di copertina

22mila residenti intorno alla base militare statunitense sull'isola saranno rimborsati, denunciavano disturbi del sonno e problemi all’udito

Il governo giapponese dovrà pagare un risarcimento danni a circa 22mila residenti nelle vicinanze della base militare statunitense di Kadena nell’isola di Okinawa, nel sud ovest del Giappone, a causa del rumore provocato dalle attività delle truppe statunitensi.

Lo ha deciso la corte distrettuale di Naha, capoluogo e maggiore centro abitato dell’arcipelago.

La cifra che dovrà essere risarcita dal governo nipponico è la più alta mai richiesta relativa alle installazioni militari statunitensi in Giappone: 30 miliardi di yen, pari a 253 milioni di euro.

Nel loro pronunciamento, i giudici hanno spiegato che né il governo giapponese né quello statunitense hanno attuato le misure di prevenzione necessarie, “con il risultato che danni arbitrari sono rimasti sostanzialmente irrisolti”.

I residenti locali in passato avevano presentato un esposto legato a disturbi del sonno e problemi all’udito.

La causa risale al 2011 ed è la terza in ordine di tempo di una battaglia legale che vede i residenti e l’amministrazione locale opporsi alle esercitazioni delle forze armate e, più in generale, alla presenza dell’esercito statunitense sul territorio. Da molti anni, infatti, si susseguono le proteste della popolazione locale sull’impatto delle base militare Usa sull’isola.

Il tribunale ha però bocciato il ricorso per uno stop ai voli e alle esercitazioni aeree tra le 19 e le 7, indicando che l’autorità sui voli è di competenza del comando militare degli Stati Uniti.

La base di Kadena è la più grande installazione militare statunitense nella zona asiatica del Pacifico e si estende su 2mila ettari nella principale isola di Okinawa, con due piste di atterraggio e decollo da 3,7 chilometri. Al suo interno stazionano poco più di 20mila militari statunitensi. 

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza