Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 14:00
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il Giappone autorizza la sperimentazione delle auto a guida automatica

Immagine di copertina

Il primo ministro Shinzo Abe ha dato il via ai primi test su strada delle auto che si guidano da sole. Le sperimentazioni inizieranno nel 2017

Il governo giapponese ha deciso di permettere i primi test su strada dei prototipi di auto a guida autonoma a partire dal 2017. 

La decisione è stata presa giovedì 5 novembre, dopo un incontro con i vertici della Toyota e di altre case automobilistiche che vorrebbero raggiungere Google nella sperimentazione di questo nuovo tipo di autoveicoli.

La sperimentazione verrà fatta in vista delle olimpiadi del 2020 che si terranno a Tokyo. Il primo ministro del Giappone, Shinzo Abe, ha detto di voler dare alle industrie automobilistiche giapponesi la possibilità di offrire un servizio innovativo al pubblico delle olimpiadi.

È stato inoltre deciso di allentare le restrizioni sull’uso di droni di piccole dimensioni, per incoraggiare nuovi progetti.

Sono molte le case automobilistiche giapponesi che hanno realizzato dei modelli di auto a guida autonoma, tra cui la Toyota, la Nissan e vari produttori di auto di lusso.

Questi modelli di auto sarebbero dotati di una particolare tecnologia a bordo che li renderebbe capaci di valutare il livello di traffico, prendere decisioni e agire da soli durante la guida. Grazie a un sistema di sensori e alle mappe installate a bordo, le auto a guida autonoma sarebbero in grado di cambiare corsia e, quando necessario, imboccare un’uscita, come anche di mantenersi a distanza di sicurezza dagli altri veicoli.

Il 6 ottobre, durante il lancio dell’ultimo prototipo, la Toyota ha dichiarato che queste vetture non hanno lo scopo di rimpiazzare completamente il guidatore, ma che tra questo e la macchina si instauri un dialogo. Questo rapporto è stato chiamato Mobility Teammate Concept.

Anche le aziende informatiche Google e Apple stanno lavorando da tempo sui propri prototipi di auto a guida autonoma. La Toyota si era lamentata della libertà di sperimentazione che queste aziende hanno avuto negli Stati Uniti. Con questa apertura del governo dal 2017 anche le case automobilistiche giapponesi potranno iniziare le proprie sperimentazioni in questo settore.

(Un video che mostra le funzionalità delle auto a guida autonoma realizzate da Toyota)

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza
Esteri / India, sequestrate tre tonnellate di eroina proveniente dall’Afghanistan
Esteri / Usa: marito e moglie No vax muoiono di Covid, dicevano che il vaccino è “un attacco ai diritti umani”
Esteri / Usa, il video shock degli agenti che frustano migranti al confine con il Messico
Esteri / Russia, sparatoria all’università di Perm: gli studenti scappano dalle finestre. 8 morti
Esteri / Vince il partito di Putin. Timori su possibili brogli
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”