Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:40
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

In Germania il governo pensa di rendere gratuito il trasporto pubblico per combattere l’inquinamento

Immagine di copertina
Credit: Manuel Cohen

La proposta inviata al commissario europeo per l'ambiente è stata firmata dai ministri tedeschi dell'ambiente e dell'agricoltura e dal capo della cancelleria

La Germania sta progettando un piano che prevede di rendere i trasporti pubblici gratuiti nelle città colpite da un forte inquinamento dell’aria.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Nello specifico, la proposta riguarda cinque città tedesche (Bonn, Essen, Herrenberg, Reutlingen e Mannheim) e prevede che gli autobus locali siano gratis per i cittadini.

La misura, che si stima avrà un costo di 13 miliardi di euro circa, potrebbe poi essere allargata in tutta la Germania.

Il motivo? Tentare di ridurre drasticamente la circolazione delle automobili.

Il tutto, anche per prevenire che la Commissione europea denunci Berlino alla Corte di Giustizia europea per la violazione delle norme sui gas di scarico.

La Germania, per quanto riguarda l’inquinamento atmosferico, è infatti sotto la lente di ingrandimento della Commissione europea.

La Commissione, a gennaio 2018, aveva avvertito che ci sarebbe stata una stretta nei confronti dei paesi membri che avessero dei livelli troppo alti di inquinamento dell’aria, avendo violato le norme dell’Unione europea sugli inquinanti come l’ossido di azoto e il particolato.

L’idea del trasporto pubblico gratuito è stata manifestata in una lettera inviata al commissario europeo per l’ambiente Karmenu Vella, firmata firmata dal ministro dell’ambiente tedesco Barbara Hendricks, dal ministro dell’agricoltura Christian Schmidt e dal capo della cancelleria Peter Altmaier.

Il governo tedesco deve affrontare delle azioni legali legati per i problemi di qualità dell’aria nelle città più popolose.

Nella lettera, gli autori hanno proposto la creazione di zone a bassa emissione di gas, trasporto pubblico gratuito per ridurre l’uso dell’automobile, incentivi extra per chi compra auto elettriche e retrofitting tecnico, ovvero la conversione di un veicolo con motore a combustione ad un veicolo con propulsione elettrica, per i veicoli esistenti, purché ciò sia efficace ed economicamente fattibile.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Sharm El Sheikh, bimba abruzzese di 13 mesi cade dal balcone e muore
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Finirà solo con la diplomazia". La Russia chiude il gas alla Finlandia. Mosca: "Azovstal è nostra"
Esteri / I video dell’esecuzione dei civili a Bucha: le nuove prove pubblicate dal New York Times
Ti potrebbe interessare
Esteri / Sharm El Sheikh, bimba abruzzese di 13 mesi cade dal balcone e muore
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Finirà solo con la diplomazia". La Russia chiude il gas alla Finlandia. Mosca: "Azovstal è nostra"
Esteri / I video dell’esecuzione dei civili a Bucha: le nuove prove pubblicate dal New York Times
Economia / Il paradosso delle sanzioni: dall’invasione l’Italia ha quadruplicato le importazioni di petrolio russo
Esteri / Sfida sui ghiacci: la guerra dell’Artico tra Nato e Russia
Esteri / La figlia di Putin sta con uno Zelensky: la relazione segreta di Katerina con il coreografo Igor
Cronaca / Mali, tre italiani e un togolese rapiti da uomini armati: sequestrata una coppia con bambino
Esteri / Nato, Mosca alla Svezia: “Convochi referendum, il sostegno è basso”
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Fase finale sarà più sanguinosa". Mosca: "Azovstal è nostra"
Esteri / Vaiolo delle scimmie, l’Oms avverte: “Quadro in rapida evoluzione”