Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 15:26
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Francia, la destra moderata vince il primo turno delle elezioni regionali. Deludono Le Pen e Macron

Immagine di copertina
Emmanuel Macron Credits: ANSA

Astensionismo record col 66 per cento degli aventi diritto che diserta il voto. Il ministro dell'Interno parla di fenomeno "preoccupante"

Al primo turno delle elezioni regionali in Francia vince la destra moderata di Les Republicains. Non sfonda l’estrema destra di Rassemblement National, guidata da Marine Le Pen, che tradisce i pronostici, e il partito del presidente Emmanuel Macron, La Republique En Marche, si ferma al 10 per cento delle preferenze. Le elezioni sono state caratterizzate dall’astensionismo record: a disertare le urne è stata una quota degli aventi diritto superiore al 66 per cento, contro il 55 per cento del 2010. Una tendenza definita “preoccupante” dal ministro dell’Interno Gerald Darmanin.

Inoltre sono stati segnalati numerosi disservizi durante le operazioni di voto, tra i quali le urne aperte in ritardo, la carenza di schede elettorali, le difficoltà di reperire scrutatori e le chiusure in anticipo rispetto all’orario previsto. Il leader della sinistra radicale Jean-Luc Melenchon ha chiesto una commissione d’inchiesta sulle inefficienze, mentre il capo dei Republicains, Christian Jacob ha parlato di vicende “indegne di una grande democrazia”.

Elezioni regionali in Francia: i risultati

La destra moderata a livello nazionale ottiene il 27 per cento delle preferenze, collocandosi davanti al partito di Marine Le Pen, che registra il 19,3 per cento dei consensi, prendendo 9 punti rispetto ai risultati delle regionali del 2015, quando aveva ottenuto il 27,73 per cento dei consensi a livello nazionale.

La leader ha preso atto del risultato inferiore alle aspettative e ha invitato i suoi sostenitori a ottenere una “riscossa al secondo turno”, previsto il 27 giugno. Stanislas Guerini, presidente esecutivo di En Marche, ha assicurato che il partito di Macron “si assumerà le sue responsabilità” per fare in modo che, al secondo turno, la destra estrema non conquisti neppure una regione.

La sinistra dei socialisti e dei loro alleati ottiene il 17,6 per cento dei voti, mentre i Verdi si fermano al 12,5 per cento. Il partito di Macron registra l’11,2 per cento delle preferenze, seguito dalla lista di sinistra radicale con La France Insoumise che ottiene il 4,2 per cento.

Leggi anche: Primarie centrosinistra, a Roma vince Gualtieri. Lepore sconfigge Conti di Italia Viva a Bologna

Ti potrebbe interessare
Esteri / “È un terrorista”: Tokyo, atleta iraniano accusato dopo l’oro nella pistola
Esteri / Donna di 60 anni ruba diamanti per 5 milioni di euro con un gioco di prestigio
Esteri / Donna israeliana dona un rene a un bambino di Gaza: “Ma la politica non c’entra”
Ti potrebbe interessare
Esteri / “È un terrorista”: Tokyo, atleta iraniano accusato dopo l’oro nella pistola
Esteri / Donna di 60 anni ruba diamanti per 5 milioni di euro con un gioco di prestigio
Esteri / Donna israeliana dona un rene a un bambino di Gaza: “Ma la politica non c’entra”
Esteri / Teologo musulmano critica i completi delle pallavoliste turche: “Siete sultani della fede, non dello sport”
Esteri / Variante Delta, Fauci: “Vaccinati o no, la contagiosità dei positivi è identica”
Esteri / Obbligo di vaccino per i dipendenti Google e Facebook
Esteri / A che punto è la crisi politica in Tunisia: Said licenzia 20 alti funzionari di governo
Economia / Effetto Covid, per tornare in ufficio i lavoratori londinesi chiedono un aumento di stipendio
Esteri / In Germania è iniziata ufficialmente la quarta ondata di Covid
Esteri / Influencer di giorno, narcotrafficante di notte: arrestata la 19enne "Miss Cracolandia"