Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:21
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Le immagini dei fiumi di sangue in Bangladesh per la Festa del Sacrificio

Immagine di copertina
Credit: Nasif Imtiaz

Nei primi giorni di settembre di ogni anno, i musulmani sacrificano un animale, le strade delle città vengono invase dal sangue delle bestie immolate con un risultato impressionante

Ogni anno, nei primi giorni di settembre, milioni di musulmani in giro per il mondo celebrano la “Festa del Sacrificio”. La festa viene celebrata nel mese lunare di Dhu l-Hijja, in pratica il dodicesimo e ultimo mese lunare del calendario islamico.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come 

La Festa del Sacrificio, o Festa dell’Offerta a Dio, è un rituale che serve per ricordare la prova superata da Abramo disposto a uccidere il figlio Ismaele pur di ubbidire a Dio.

Solo dopo questa eccezionale dimostrazione di fede e sottomissione, Allah salvò il bambino.

A far molto discutere quando si parla di Festa del Sacrificio è il rituale di sgozzamento degli animali. I musulmani infatti in questi giorni sacrificano un animale. Solo nel 2016, come riporta la Bbc, furono sacrificati 100mila esemplari.

Il rituale implica la recita del Takbīr, l’espressione che si traduce in “Dio è il più grande”, da parte di un uomo e il successivo sgozzamento di animali vivi, adulti e sani (che possono essere montoni, capre, pecore), secondo le linee guida previste dalla macellazione rituale ‘halāl’

Durante questa festa le strade di alcune città vengono invase dai fiumi di sangue degli animali.

Una su tutte è Dacca che nel 2016 fu sommersa dall’acqua di una pioggia torrenziale mescolata ai resti degli animali creando dei veri e propri torrenti di colore rosso.

Il fotografo documentarista Nasif Imtiaz si è occupato di ritrarre le particolari condizioni delle strade durante questa festa.

L’intenso colore rosso delle sue foto ha indotto qualcuno a pensare si trattasse di immagini photoshoppate.

Ma sui social il fotografo ha chiarito che erano solo lo specchio di quanto accade ogni anno in Bangladesh.

“Si questa foto è vera. Sono grato a tutti specialmente a tutti i media che hanno aiutato a raccontare la vera storia che c’è dietro questa foto”.

Blood in flood after heavy rain Eid Ul Adha 2017 Narayanganj, Bangladesh Photo: Nasif Imtiaz

Un post condiviso da Nasif Imtiaz (@nasif.imtiaz) in data:

Eid Ul Adha 2016

Un post condiviso da Nasif Imtiaz (@nasif.imtiaz) in data:

Credit: Nasif Imtiaz
Ti potrebbe interessare
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento
Ti potrebbe interessare
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento
Esteri / Pizza per l’Italia e Chernobyl per l’Ucraina: la gaffe della tv sudcoreana alle Olimpiadi di Tokyo
Esteri / “Una storia horror? Vacanza-studio in Italia”, il tweet di Amanda Knox scatena le polemiche
Esteri / Il Papa: “Ogni giorno 7mila bambini muoiono di fame, è uno scandalo”
Esteri / Il Pride a Budapest: 10mila in piazza contro la legge anti-Lgbt di Orban
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Esteri / L’appello di Lula a Draghi: “Il vaccino è per tutti, non solo di chi lo può comprare”
Esteri / India, 4.300 morti in due mesi per i contagi da fungo nero: “Un’epidemia nella pandemia”