Covid ultime 24h
casi +20.648
deceduti +541
tamponi +176.934
terapie intensive -9

Le immagini dei fiumi di sangue in Bangladesh per la Festa del Sacrificio

Nei primi giorni di settembre di ogni anno, i musulmani sacrificano un animale, le strade delle città vengono invase dal sangue delle bestie immolate con un risultato impressionante

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 6 Ott. 2017 alle 13:22 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 16:40
0
Immagine di copertina
Credit: Nasif Imtiaz

Ogni anno, nei primi giorni di settembre, milioni di musulmani in giro per il mondo celebrano la “Festa del Sacrificio”. La festa viene celebrata nel mese lunare di Dhu l-Hijja, in pratica il dodicesimo e ultimo mese lunare del calendario islamico.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come 

La Festa del Sacrificio, o Festa dell’Offerta a Dio, è un rituale che serve per ricordare la prova superata da Abramo disposto a uccidere il figlio Ismaele pur di ubbidire a Dio.

Solo dopo questa eccezionale dimostrazione di fede e sottomissione, Allah salvò il bambino.

A far molto discutere quando si parla di Festa del Sacrificio è il rituale di sgozzamento degli animali. I musulmani infatti in questi giorni sacrificano un animale. Solo nel 2016, come riporta la Bbc, furono sacrificati 100mila esemplari.

Il rituale implica la recita del Takbīr, l’espressione che si traduce in “Dio è il più grande”, da parte di un uomo e il successivo sgozzamento di animali vivi, adulti e sani (che possono essere montoni, capre, pecore), secondo le linee guida previste dalla macellazione rituale ‘halāl’

Durante questa festa le strade di alcune città vengono invase dai fiumi di sangue degli animali.

Una su tutte è Dacca che nel 2016 fu sommersa dall’acqua di una pioggia torrenziale mescolata ai resti degli animali creando dei veri e propri torrenti di colore rosso.

Il fotografo documentarista Nasif Imtiaz si è occupato di ritrarre le particolari condizioni delle strade durante questa festa.

L’intenso colore rosso delle sue foto ha indotto qualcuno a pensare si trattasse di immagini photoshoppate.

Ma sui social il fotografo ha chiarito che erano solo lo specchio di quanto accade ogni anno in Bangladesh.

“Si questa foto è vera. Sono grato a tutti specialmente a tutti i media che hanno aiutato a raccontare la vera storia che c’è dietro questa foto”.

Blood in flood after heavy rain Eid Ul Adha 2017 Narayanganj, Bangladesh Photo: Nasif Imtiaz

Un post condiviso da Nasif Imtiaz (@nasif.imtiaz) in data:

Eid Ul Adha 2016

Un post condiviso da Nasif Imtiaz (@nasif.imtiaz) in data:

Credit: Nasif Imtiaz

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.