Covid ultime 24h
casi +21.994
deceduti +221
tamponi +174.398
terapie intensive +127

Il corto animato in ricordo di Aylan fatto dall’autore del “Cacciatore di aquiloni”

Lo scrittore Khaled Hosseini, ambasciatore dell'Unhcr, ha realizzato un filmato in realtà virtuale per ricordare il bambino di tre anni trovato senza vita in Turchia a settembre 2015

Di Anna Ditta
Pubblicato il 1 Set. 2017 alle 12:09 Aggiornato il 11 Set. 2019 alle 01:52
0
Immagine di copertina

Lo scrittore Khale Hosseini, autore del celebre romanzo Il cacciatore di aquiloni e ambasciatore dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr), ha realizzato Sea Prayer. È un corto animato in realtà virtuale realizzato a due anni dalla morte di Alan Kurdi, soprannominato Aylan, il bambino curdo-siriano di tre anni il cui corpo venne restituito dal mare sulle spiagge di Bodrum, in Turchia.

Il video è stato pubblicato sul sito del quotidiano britannico The Guardian. Racconta la storia di un padre che, la notte prima di un viaggio potenzialmente fatale, racconta a suo figlio della vita in Siria prima della guerra, lo rassicura e parla del loro futuro.

Attraverso i cursori in alto a sinistra lo spettatore può spostarsi a 360 gradi all’interno della scena, che viene disegnata mentre l’uomo procede nel suo racconto.

Dalla morte di Aylan, avvenuta il 2 settembre 2015, sono almeno 8.500 le persone morte o scomparse nel Mediterraneo. In media, sono quasi 12 persone al giorno.

La cifra, fornita dall’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr), raggruppa i 4.337 migranti che si ritiene abbiano perso la vita tra il 2016 e il 2017 e gli altri 4.185 che sono scomparsi nell’anno precedente.

– LEGGI ANCHE: L’app che trasforma il tuo cellulare in quello di una rifugiata che lotta per sopravvivere

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.