Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:16
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Da settembre 2015 almeno 8.500 persone sono scomparse nel Mediterraneo

Immagine di copertina
Il murale degli artisti Oguz Sen e Justus Becker a Francoforte

I dati dell'Unhcr sono stati presentati nell'anniversario della morte di Aylan, il bambino curdo-siriano ritrovato senza vita sulle spiagge turche due anni fa

Sono almeno 8.500 le persone morte o scomparse nel Mediterraneo da settembre 2015 a oggi. In media, quasi 12 persone al giorno. La cifra, fornita dall’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr), raggruppa i 4.337 migranti che si ritiene abbiano perso la vita tra il 2016 e il 2017 e gli altri 4.185 che sono scomparsi nell’anno precedente.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook, ecco come.

Era il 2 settembre 2015 quando il corpo di un bambino curdo-siriano di tre anni venne restituito dal mare sulle spiagge di Bodrum, in Turchia. Il ritrovamento del cadavere di Alan Kurdi, che i giornali chiamarono Aylan, fu catturato dalla macchina fotografica della reporter Nilufer Demir.

Il mondo restò impietrito di fronte a quell’immagine e alla tragedia racchiusa dietro di essa. Aylan è finito davanti ai nostri occhi grazie a quella fotografia, questo invece non accade per gli altri bambini e adulti che muoiono nel Mediterraneo nel tentativo di raggiungere l’Europa.

A due anni da quella tragedia, sui morti nel nostro mare rimangono solo i numeri, per quanto parziali e imprecisi: 8.500 vite spezzate durante la traversata tra la Libia e l’Italia, o tra la Turchia e la Grecia, o, più recentemente, tra il Marocco e la Spagna.

Secondo l’Unhcr, anche se il numero dei rifugiati che arrivano in Europa si è ridotto nettamente dalla morte di Aylan, ancora migliaia di persone muoiono tentando di raggiungere le coste europee.

Le restrizioni delle rotte dalla Turchia e dalla Libia hanno spinto centinaia di persone a rischiare la loro vita attraversando lo stretto di Gibilterra dal Marocco alla Spagna, usando gommoni o inadeguate barche da pesca.

“Molti dei bambini che provano a raggiungere l’Europa viaggiano da soli, e questo rende il loro viaggio ancora più terrificante e pericoloso”, ha detto l’Unhcr. I dati dell’agenzia mostrano che questo è accaduto al 92 per cento dei 13.700 bambini arrivati in Italia via mare da gennaio a luglio 2017.

Secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Iom), oltre 120mila persone sono arrivate in Europa quest’anno, e l’82 per cento ha viaggiato dalla Libia all’Italia.

– LEGGI ANCHE: La soluzione al problema dei migranti esiste da 16 anni, ma non è usata

– LEGGI ANCHE: Com’è cambiata la rotta dei migranti per raggiungere la Libia

– LEGGI ANCHE: Il migrante di 6 anni annegato come Aylan, ma dimenticato dai media

Ti potrebbe interessare
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax
Esteri / "Io, scrittore israeliano, vi dico che l'inferno non finirà mai: Israele non sa riconoscere i suoi errori"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax
Esteri / "Io, scrittore israeliano, vi dico che l'inferno non finirà mai: Israele non sa riconoscere i suoi errori"
Esteri / Nuovi raid su Gaza, tre razzi lanciati dalla Siria. Finora 126 morti
Esteri / “I vaccinati causano infertilità e aborti”: i no-mask pensano addirittura di usare la mascherina
Esteri / In Cambogia migliaia di persone sono rimaste senza cibo e medicine a causa del lockdown
Esteri / Iran, ragazzo di 20 anni decapitato dai suoi familiari perché gay
Esteri / L’uomo con 151 figli e 16 mogli: “Il mio lavoro è soddisfarle sessualmente”
Esteri / L’ex miss Myanmar si unisce alla lotta contro la dittatura militare: “Combatto per il mio Paese”
Esteri / David Grossman: “Il dialogo è fallito, la violenza fra arabi ed ebrei spezza il sogno della coesistenza”