Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 20:46
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Filippine, sisma di magnitudo 7: rientra l’allerta tsunami

Immagine di copertina

Subito dopo la scossa le autorità avevano diramato l'allerta tsunami

Nella mattina del 29 dicembre 2018 un sisma di magnitudo 7 è stato registrato al largo delle Filippine, secondo quanto riferito dall’US Geological Survey.

Le autorità filippine hanno dichiarato che la scossa “è stata percepita in modo molto forte per diversi secondi” poco dopo le 12 (ora locale, le 4 in Italia). I residenti hanno subito abbandonato le loro case.

Per precauzione, inizialmente è stata diramata l’allerta tsunami, ma l’allarme è poi rientrato.

Il terremoto ha avuto il suo ipocentro a circa 50 chilometri di profondità, mentre l’epicentro si è registrato a 100 chilometri a sudest di Pondaguitan, che si trova sulla grande isola filippina meridionale di Mindanao.

Subito dopo la scossa, il Centro d’allerta tsunami del Pacifico (Ptwc) aveva avvisato che c’era la possibilità che potessero crearsi onde anomale, minacciando le coste fino a 300 chilometri dall’epicentro del sisma.

Catania – Risale a pochi giorni fa il terremoto di magnitudo 4.8 che è stato avvertito intorno alle 3.19 in provincia di Catania, con epicentro tra Viagrande e Trecastagni.  È stata la scossa violenta da quando è iniziato lo sciame sismico a causa dell’eruzione dell’Etna.

I centri nei quali sono stati registrati maggiori danni sono stati Fleri e Santa Venerina. Ventotto persone sono rimaste ferite, in maniera non grave. Nei comuni interessanti dal sisma la gente è scesa in strada impaurita durante la notte (qui i video e le foto).

A Fleri sono crollati muri di alcune case, a Santa Venerina invece i calcinacci dalla facciata della chiesa di Santa Maria del Carmelo in Bongiardo.

Il sisma è collegato dall’eruzione dell’Etna, iniziata lunedì 24 dicembre. L’attività eruttiva ha infatti provocato uno sciame sismico, avvertito chiaramente in tutta la provincia di Catania.

Sui social sono state diffuse immagini del vulcano in eruzione, con un’altissima colonna di fumo grigio e nero che si solleva dai vari crateri. Cenere e lapilli sono chiaramente visibili da tutta Catania e dal mare.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, il governo pronto a lanciare la pillola anti-Covid entro fine anno
Esteri / Tragedia in Svizzera: investe e uccide il figlio di 14 mesi facendo manovra con il Suv
Esteri / Camion contro parata gay pride in Florida: un morto. "Attacco terroristico alla comunità Lgbt"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, il governo pronto a lanciare la pillola anti-Covid entro fine anno
Esteri / Tragedia in Svizzera: investe e uccide il figlio di 14 mesi facendo manovra con il Suv
Esteri / Camion contro parata gay pride in Florida: un morto. "Attacco terroristico alla comunità Lgbt"
Esteri / “Se l’Europa vuole tenere testa a Usa, Russia e Cina deve dotarsi del Nucleare”: il realismo preventivo di Massimo Fini
Esteri / Quali sono i Paesi in Europa che hanno già tolto l'obbligo
Esteri / Vaccino unico per Covid e influenza: il via già in autunno
Esteri / Usa, la sfida dei vescovi cattolici: approvato documento per vietare la comunione a Biden
Esteri / Iran, vince al primo turno l'ultraconservatore Ebrahim Raisi
Esteri / Biden attacca giornalista della Cnn: “Ma che diavolo dice? Ha sbagliato lavoro”
Esteri / Hong Kong, dopo il blitz vanno a ruba le 500mila copie dell’Apple Daily: edicole prese d’assalto