Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:50
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

India, al via il concorso più grande del mondo: 23 milioni di candidati per 90mila posti

Immagine di copertina

In India sta per andare in scena il più grande concorso pubblico del mondo: ventitré milioni di candidati per novantamila posti di lavoro. Millecinquecento sedi d’esame sparse in tutto il Paese, oltre 37 milioni di euro per allestire la gigantesca macchina che servirà al regolare svolgimento del concorso.

Dati pazzeschi riportati dal Times of India. Ma per quale lavoro? Per assumere macchinisti, tecnici, operai, elettricisti, impiegati, falegnami e guardarobieri alle Indian Railways, le ferrovie di Stato indiane.

Un maxi concorso che ha avuto bisogno di tempo per essere strutturato. Una macchina fatta partire quasi un anno fa: i 23 milioni di candidati ammessi sono stati selezionati tra i 30 milioni che si erano iscritti inizialmente.

I candidati sono stati convocati via mail appena quattro giorni fa nelle oltre 1.500 mega sedi, lontane al massimo 500 chilometri dal luogo di residenza.

Piccola controindicazione: molti candidati hanno cercato di iscriversi, sebbene privi dei requisiti perché il viaggio viene offerto dalle Ferrovie.

Ma in cosa consiste la prova? L’esame, dalla durata di un’ora, consiste in 75 domande a risposta multipla, in inglese e in altre 15 lingue parlate nel Paese, riguardanti cinque grandi argomenti: inglese, logica, matematica, scienza e cultura generale.

Il test, che si svolge utilizzando il computer e non prevede l’uso di carta, è solo la prima fase del concorso: chi la supererà dovrà affrontarne un’altra, basata sulle attitudini psicologiche richieste per le diverse mansioni.

La Indian Railways, già il più grande datore di lavoro del Paese, è quindi pronta alle maxi assunzioni.

Dall’annuncio del megabando per 90mila posti a tempo indeterminato, gli indiani giovani in possesso solo di un diploma di basso livello, pari alle nostre medie, sono entrati in fibrillazione per assicurarsi un posto fisso, decentemente retribuito.

Sono nati gruppi di Facebook, chat, centinaia di siti che hanno proposto esempi di test, tutorial su Youtube. E così via. Insomma, tutti vogliono un posto di lavoro, ma “solo” in novantamila torneranno a casa felici.

Ti potrebbe interessare
Esteri / A scuola di Nazismo in Ohio: così una coppia voleva insegnare agli studenti che Hitler era buono
Esteri / Donna italiana si denuda a bordo di un aereo: “Voleva passare in prima classe”. Arrestata
Esteri / Regno Unito, dogsitter sbranata da otto cani: “Ne aveva troppi, ha perso il controllo”
Ti potrebbe interessare
Esteri / A scuola di Nazismo in Ohio: così una coppia voleva insegnare agli studenti che Hitler era buono
Esteri / Donna italiana si denuda a bordo di un aereo: “Voleva passare in prima classe”. Arrestata
Esteri / Regno Unito, dogsitter sbranata da otto cani: “Ne aveva troppi, ha perso il controllo”
Esteri / Russia, le rivelazioni dell’ex collaboratore di Putin: “Possibile un golpe entro un anno, il presidente è molto odiato”
Esteri / Guerra in Ucraina, Macron non esclude l’invio di caccia a Kiev
Esteri / Bruxelles, attacco col coltello in metro: almeno tre feriti. Fermato l’aggressore
Esteri / Si licenzia e cambia vita: lavora solo 30 minuti e guadagna 40mila dollari al mese. Ecco come
Esteri / La Cina accusa gli Stati Uniti per la guerra in Ucraina: “Hanno innescato la crisi e ora la stanno alimentando”
Esteri / L’imprenditore Usa che vuole tornare 18enne (con 2 milioni l’anno): in due anni l’età è “scesa” di 5
Esteri / Capsula radioattiva smarrita in Australia, tecnici della Rio Tinto e autorità locali alla ricerca: “È molto pericolosa”