Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

L’ex premier norvegese è stato fermato a causa del Muslim ban

Immagine di copertina

Le forze dell'ordine statunitensi lo hanno fermato e interrogato per via di un viaggio compiuto in Iran nel 2014

Il cosiddetto Muslim ban è l’ordine esecutivo emanato dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump che vieta l’ingresso nel paese ai cittadini di sette paesi a maggioranza musulmana. Questo significa che chi non ha la cittadinanza di quei paesi, ma ha comunque il loro timbro sul passaporto, può entrare negli Stati Uniti ma le forze dell’ordine dell’ufficio immigrazioni potrebbero fermarle e interrogarle.

Questo almeno è ciò che è capitato a Kjell Magne Bondevik, ex primo ministro norvegese, che ha denunciato il fatto di essere stato fermato all’aeroporto Dulles di Washington e interrogato per oltre un’ora her avere un visto risalente al 2014 per un viaggio compiuto in Iran. Il tutto, secondo quanto riferito da Bondevik, nonostante il suo sia un passaporto diplomatico e indichi chiaramente che in passato sia stato capo del governo norvegese.

LEGGI ANCHE: Cosa prevede il Muslim ban

“Non c’era alcuna ragione di essere preoccupati di un capo del governo che era stato più volte in visita negli Stati Uniti ed è stato anche ospite alla Casa Bianca” ha dichiarato Bondevik alla tv norvegese.

Kjell Magne Bondevik, oggi 69enne, è stato primo ministro della Norvegia dal 1997 al 2000 prima e, successivamente, dal 2001 al 2005 con il Partito Cristiano-Popolare.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Dopo un anno di presidenza Biden la rotta migratoria Messico-Usa è ancora un inferno: la denuncia di Msf
Esteri / Pedofilia, quasi 500 vittime di abusi nella diocesi di Monaco. Ratzinger non agì di fronte a 4 casi
Esteri / “Fateci pagare più tasse”: l’appello di cento super ricchi ai grandi della terra
Ti potrebbe interessare
Esteri / Dopo un anno di presidenza Biden la rotta migratoria Messico-Usa è ancora un inferno: la denuncia di Msf
Esteri / Pedofilia, quasi 500 vittime di abusi nella diocesi di Monaco. Ratzinger non agì di fronte a 4 casi
Esteri / “Fateci pagare più tasse”: l’appello di cento super ricchi ai grandi della terra
Esteri / Djokovic ha comprato l’80% di un’azienda che lavora a una cura per il Covid
Esteri / Regno Unito, Johnson annuncia la fine delle restrizioni: ma la pandemia corre ancora
Esteri / Eruzione Tonga, Nasa: “500 volte più potente della bomba atomica su Hiroshima”
Esteri / Tonga: arrivano i primi aiuti dopo l’eruzione, ma le autorità temono che i soccorritori possano portare uno “tsunami di Covid”
Esteri / Nizza, spari in centro durante un blitz della polizia: un morto
Esteri / Gerusalemme, primo sfratto da cinque anni a Sheikh Jarrah: Israele demolisce la casa di una famiglia palestinese
Esteri / Ucraina, Blinken invita Putin a scegliere una via pacifica