Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 08:47
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Euro 2020: la Russia protesta, l’Uefa ordina all’Ucraina di cambiare la maglia con riferimenti alla Crimea

Immagine di copertina
Credit: EPA/SERGEY KOZLOV

Euro 2020: la Russia protesta, l’Uefa ordina all’Ucraina di cambiare la maglia con riferimenti alla Crimea

L’Uefa ha imposto alla nazionale di calcio dell’Ucraina di cambiare la sua maglia ufficiale, contestata negli scorsi giorni dalla Russia per i suoi riferimenti nazionalistici e alla Crimea.

La maglia, che in precedenza era stata approvata dall’Uefa, è stata invece giudicata “politica” a seguito di “un’analisi più approfondita” dell’organo di governo del calcio europeo, che ha invitato l’Ucraina a ritirarla in vista degli Europei che inizieranno domani.

L’Uefa ha chiesto di rimuovere solo la scritta controversa “Gloria ai nostri eroi” contenuta dentro il colletto, senza contestare la presenza della mappa disegnata di fronte, un altro dettaglio che aveva suscitato le proteste di Mosca. La figura contiene i territori orientali controllati da separatisti filo-russi oltre alla penisola della Crimea, annessa dalla Russia nel 2014 a seguito di un intervento militare russo e un referendum. Secondo l’organizzazione che riunisce le federazioni calcistiche europee, la mappa corrisponderebbe ai confini internazionalmente riconosciuti del paese.

Anche la frase “Gloria all’Ucraina” riportata sul retro non è stata considerata irregolare dall’Uefa, che ne ha però contestato la combinazione con “Gloria ai nostri eroi”. Insieme le due frasi avrebbero “un significato storico e militaristico” e quindi “di natura chiaramente politica”.

Negli scorsi giorni la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova aveva criticato la maglia, paragonando le frasi a uno slogan nazista. “Siate eroi sportivi e avrete gloria: non è con slogan nazionalistici che onorerete la patria”, ha invece affermato Zakharova su Telegram dopo la decisione dell’Uefa.

In Ucraina la maglia ha riscosso forte popolarità e dopo la presentazione è andata esaurita in soli quattro giorni, secondo quanto riportato dal giornale britannico Independent. “Crediamo che la forma dell’Ucraina darà forza ai giocatori perché combatteranno per tutta l’Ucraina”, aveva detto Andriy Pavelko, a capo della federazione calcistica ucraina, presentando la maglia, mentre il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato su Instagram che la maglia della nazionale “sa come scioccare” e porta “molti simboli importanti che uniscono il popolo ucraino”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Se l’Europa vuole tenere testa a Usa, Russia e Cina deve dotarsi del Nucleare”: il realismo preventivo di Massimo Fini
Esteri / Mascherina all’aperto, quali sono i Paesi in Europa che hanno già tolto l’obbligo
Esteri / Vaccino unico per Covid e influenza: il via già in autunno
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Se l’Europa vuole tenere testa a Usa, Russia e Cina deve dotarsi del Nucleare”: il realismo preventivo di Massimo Fini
Esteri / Mascherina all’aperto, quali sono i Paesi in Europa che hanno già tolto l’obbligo
Esteri / Vaccino unico per Covid e influenza: il via già in autunno
Esteri / Usa, la sfida dei vescovi cattolici: approvato documento per vietare la comunione a Biden
Esteri / Iran, vince al primo turno l'ultraconservatore Ebrahim Raisi
Esteri / Biden attacca giornalista della Cnn: “Ma che diavolo dice? Ha sbagliato lavoro”
Esteri / Hong Kong, dopo il blitz vanno a ruba le 500mila copie dell’Apple Daily: edicole prese d’assalto
Esteri / L’Iran elegge il nuovo presidente: conservatori pronti a tornare al potere
Esteri / Usa, il concerto di Bruce Springsteen è vietato a chi si è vaccinato con AstraZeneca
Esteri / Juneteenth, il giorno per ricordare la fine della schiavitù dei neri, diventa festa federale negli Usa