Covid ultime 24h
casi +10.874
deceduti +89
tamponi +144.737
terapie intensive +73

Un’esplosione fuori da una moschea in Siria provoca la morte di un gruppo di fedeli

La città di Latakia è una roccaforte del presidente siriano Assad. La scorsa settimana 150 persone sono morte in una serie di attentati dell’Isis in due città vicine

Di TPI
Pubblicato il 2 Giu. 2016 alle 17:01 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 18:09
0
Immagine di copertina

Una bomba esplosa vicino all’ingresso della moschea di Latakia, in Siria, ha provocato giovedì 2 giugno la morte di almeno tre persone. Decine i feriti, secondo quanto riportato dalla televisione libanese Al Manar, controllata da Hezbollah.

L’esplosione è avvenuta mentre i fedeli stavano uscendo dal luogo di preghiera. Il bilancio delle vittime è ancora incerto, ma alcuni media locali parlano di tre vittime. I soccorritori stanno trasportando i feriti negli ospedali della città. L’attentato non è stato ancora rivendicato.

Latakia, sulla costa mediterranea della Siria è una roccaforte del presidente siriano Bashar al-Assad. L’Isis la scorsa settimana ha colpito con una serie di attacchi la provincia fedele al dittatore siriano, provocando la morte di 150 persone a Jableh e Tartous, due città a pochi chilometri a sud di Latakia.

Questa mattina un cacciabombardiere russo Su-34 aveva distrutto in Siria una raffineria di petrolio controllata dai jihadisti dell’Isis vicino Ras al-Ayn, nella provincia di Hasakah.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.