Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 13:23
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Nuove esercitazioni congiunte di Washington, Seul e Tokyo contro la minaccia nordcoreana

Immagine di copertina
Credit: AFP PHOTO

Il nuovo ciclo di esercitazioni militari, il sesto in poco più di un anno, si sta svolgendo nelle acque tra la penisola coreana e il Giappone

Stati Uniti, Giappone e Corea del Sud hanno dato avvio a una due giorni di esercitazioni militari congiunte allo scopo di rilevare missili in un contesto di crescenti tensioni con Pyongyang e il regime di Kim Jong-un.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Il nuovo ciclo di esercitazioni in corso, il sesto in poco più di un anno, si sta svolgendo nelle acque tra la penisola coreana e il Giappone.

La decisione di condurre nuove operazioni di rilevamento di missili è arrivata poche settimane dopo il lancio, avvenuto all’alba del 29 novembre, di un missile balistico intercontinentale da parte di Pyongyang, che ha detto di essere in grado di colpire qualsiasi punto del territorio statunitense.

Gli Stati Uniti avevano condannato l’ennesimo test nordcoreano tramite le durissime parole di Nikki Haley, rappresentante statunitense all’Onu, secondo la quale Washington sarebbe pronta a “distruggere completamente” il regime nordcoreano nel caso scoppiasse un conflitto.

L’amministrazione Trump ha più volte affermato di star valutando tutte le opzioni possibili per interrompere i programmi balistici e nucleari nordcoreani.

Parlando alla riunione d’emergenza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite convocata dopo l’ultimo test missilistico nordcoreano, Nikki Haley aveva detto che gli Usa non hanno mai cercato di dare avvio a una guerra contro la Corea del Nord, ma la pazienza è quasi finita.

“Nel caso di scoppio di un conflitto, le cause saranno legate a provocazioni e aggressioni come quelle cui abbiamo assistito ieri”, aveva detto in quell’occasione Haley.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Miami, crolla palazzo di 12 piani in zona residenziale: “Si temono molte vittime”
Esteri / Morto in carcere il “papà” del primo antivirus per computer
Esteri / Un web designer ha chiamato suo figlio HTML
Ti potrebbe interessare
Esteri / Miami, crolla palazzo di 12 piani in zona residenziale: “Si temono molte vittime”
Esteri / Morto in carcere il “papà” del primo antivirus per computer
Esteri / Un web designer ha chiamato suo figlio HTML
Esteri / Così il dittatore torna “utile”: l’Ue offre 3,5 miliardi alla Turchia di Erdogan per bloccare i migranti
Esteri / Britney Spears: “Basta tutela paterna, rivoglio la mia vita”. E porta in tribunale la famiglia
Esteri / Scuole bombardate e senza corrente elettrica: a Gaza iniziano gli esami di maturità
Esteri / Crisi umanitaria in Etiopia: raid contro un mercato nel Tigray, decine di vittime
Esteri / Mar Nero, russi sparano colpi di avvertimento contro una nave britannica
Esteri / Dimentica di essere sposato per via dell'Alzheimer e fa una seconda proposta alla moglie
Esteri / Von der Leyen contro la legge ungherese anti-Lgbt: “È una vergogna”