Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:51
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il presidente Erdogan assume il controllo dello stato maggiore dell’esercito

Immagine di copertina
Cerdit: Getty Images

Recep Tayyip Erdogan ha da poco inaugurato il suo secondo mandato presidenziale: grazie alle nuove riforme il presidente può anche sciogliere il Parlamento, emanare decreti esecutivi e imporre un nuovo stato di emergenza

Il 9 luglio 2018 è iniziato il secondo mandato come presidente di Recep Tayyip Erdogan dopo la vittoria delle elezioni del 24 giugno.

Erdogan, leader del partito Giustizia e Sviluppo (Akp) ha ottenuto il 52 per cento dei voti, mentre il suo principale sfidante, il socialdemocratico Muharrem Ince, si è fermato al 30 per cento.

Le nuove elezioni hanno segnato il passaggio dal sistema parlamentare a quello presidenziale, in linea con un cambio della Costituzione approvato con un referendum l’anno scorso.

L’emendamento costituzionale ha consentito a Erdogan, 64 anni, di candidarsi per due nuovi mandati presidenziali quinquennali. L’uomo forte della Turchia è al potere dal 2003, prima come primo ministro, poi come presidente.

Adesso, il governo di Erdogan ha emanato un nuovo decreto che permetterà al capo dello Stato di controllare anche lo stato maggiore dell’esercito.

Grazia alla riforma appena approvata, le forze armate passano sotto il controllo del ministero della Difesa, guidato dall’ex capo di stato maggiore di Ankara, Hulusi Akar.

Il decreto prevede anche la creazione di un Consiglio militare supremo a cui spetta il compito di decidere le nomine dei vertici delle forze armate e il Consiglio di sicurezza nazionale, che si occupa di coordinare le azioni di lotta contro il terrorismo.

L’approvazione della riforma coincide con l’anniversario del fallito golpe di Stato avvenuto nella notte tra il 15 e il 16 luglio 2016.

Dopo il tentato colpo di Stato, Erdogan ha imposto lo stato di emergenza sulla base dell’articolo 120 della Costituzione turca.

Il provvedimento può essere introdotto, in caso di diffusi atti di violenza volti alla destrutturazione dell’ordine democratico, per un periodo non superiore ai sei mesi.

Da allora lo stato di emergenza è stato prorogato più volte, l’ultima lo scorso marzo, ma è stato revocato il 9 luglio scorso.

Il presidente Erdogan sta accentrando sempre di più il potere dello Stato nelle sue mani.

Oltre ad avere assunto il controllo dello stato maggiore dell’esercito, infatti, il presidente ha anche il potere di sciogliere il Parlamento, emanare decreti esecutivi e imporre un nuovo stato di emergenza.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Razzi di Hamas verso Gerusalemme, Israele bombarda Gaza: diversi morti
Esteri / Autismo, Elon Musk rivela: “Ho la sindrome di Asperger”
Esteri / “Ho paura ma tornerò a studiare”: il coraggio di Arifa, la studentessa di 17 anni sopravvissuta alla strage di Kabul
Ti potrebbe interessare
Esteri / Razzi di Hamas verso Gerusalemme, Israele bombarda Gaza: diversi morti
Esteri / Autismo, Elon Musk rivela: “Ho la sindrome di Asperger”
Esteri / “Ho paura ma tornerò a studiare”: il coraggio di Arifa, la studentessa di 17 anni sopravvissuta alla strage di Kabul
Esteri / Spagna: folla in strada festeggia la prima notte senza stato di emergenza e coprifuoco | VIDEO
Esteri / Un pavone interrompe Draghi in conferenza stampa: il simpatico siparietto del premier | VIDEO
Esteri / Afghanistan, due esplosioni davanti a una scuola di Kabul: almeno 50 morti e 100 feriti
Esteri / Sadiq Khan è stato rieletto sindaco di Londra
Esteri / Brexit, provano a entrare nel Regno Unito: 30 cittadini italiani ed europei fermati e detenuti
Esteri / Hong Kong, viaggio nella città simbolo del nuovo mondo globale
Esteri / New York vuole offrire il vaccino Johnson&Johnson a tutti i turisti