Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:05
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Erdogan: “Putin mi sembra pronto a finire la guerra il prima possibile”. Ma il Cremlino frena

Immagine di copertina
Credit: Depo Photos via ZUMA Press Wire

Dopo il suo incontro con Vladimir Putin in Uzbekistan, in occasione del summit dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai, Erdogan si dice ottimista riguardo all’apertura di trattative con la Russia. “Mi ha dimostrato che è disposto a porre fine a questa situazione il prima possibile” ha detto in un’intervista a Pbs parlando del suo omologo russo “Questa è stata la mia impressione, perché il modo in cui si stanno svolgendo le cose ora è piuttosto problematico; 200 ostaggi saranno scambiati previo accordo tra le parti”.

Le trattative però verrebbero svolte con totale intransigenza riguardo le concessioni territoriali alla Russia. Quando è stato interrogato su la possibilità di lasciare alcuni territori a Putin Erdogan ha risposto: “No, indubbiamente no. Quando parliamo di accordo reciproco, intendiamo proprio questo. Se si vuole stabilire una pace in Ucraina, ovviamente la restituzione della terra invasa diventerà molto importante. Questo è ciò che ci si aspetta. Questo è ciò che si vuole”. Stessa posizione sulla Crimea. “Dal 2014 abbiamo parlato di questo con il mio caro amico Putin e questo è ciò che gli abbiamo chiesto. Gli abbiamo chiesto di restituire la Crimea ai suoi legittimi proprietari”, così ha parlato del territorio abitato dalla comunità dei Tatari, che parlano un idioma vicino al turco.

Interrogato sulle accuse di crimini di guerra rivolte all’esercito russo, il mediatore ha usato termini cauti “Se un’indagine porta a questa conclusione, Putin mostrerà la sua reazione. Non è giusto osservare Putin come una persona completamente diversa, perché sta dando priorità agli interessi del suo Paese e sta combattendo per i suoi interessi, per gli interessi del suo Paese”.

Poco dopo è arrivata la frenata del Cremlino. “Al momento prospettive di una soluzione politica e diplomatica non sono visibili“, ha detto a Interfax il portavoce di Putin, Dmitry Peskov. Continuano intanto le richieste dei filo russi di indire nuovi referendum sull’indipendenza nel Donbass.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il G7 annuncia un prestito da 50 miliardi di dollari all’Ucraina ma l’Europa (e l’Italia) rischia di restare con il cerino in mano
Esteri / Il piano di pace di Putin: "Kiev si ritiri da 4 regioni e rinunci ad aderire alla Nato". Secco no da Usa e Stoltenberg
Esteri / L’incredibile storia dell’ospite indesiderato del New Yorker Hotel
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il G7 annuncia un prestito da 50 miliardi di dollari all’Ucraina ma l’Europa (e l’Italia) rischia di restare con il cerino in mano
Esteri / Il piano di pace di Putin: "Kiev si ritiri da 4 regioni e rinunci ad aderire alla Nato". Secco no da Usa e Stoltenberg
Esteri / L’incredibile storia dell’ospite indesiderato del New Yorker Hotel
Esteri / Da Gaza a Taiwan, Francesco Maringiò a TPI: “Vi spiego com’è il mondo visto dalla Cina”
Esteri / Reportage TPI: Belfast è lo specchio del conflitto in Medio Oriente
Esteri / L’eterno conflitto tra Israele e Palestina in Medio Oriente
Esteri / Nessuno vuole davvero scaricare Putin: il sospetto di Zelensky che spaventa gli Usa
Esteri / La macchina da guerra dell’intelligenza artificiale che ha aiutato Israele a distruggere Gaza
Esteri / Ilaria Salis è libera, tolto il braccialetto elettronico
Esteri / Gaza: 37.266 vittime dal 7 ottobre. Msf: "7 morti, compresi 3 bambini, in un raid di Israele nel nord di Gaza". Hamas: due ostaggi uccisi in un attacco aereo israeliano a Rafah. Usa sanzionano un gruppo di estrema destra in Israele. Libano, raid dell’Idf: “1 morto e 7 civili feriti”. Il premier libanese Mikati: "Attacco terroristico". Hezbollah lancia razzi sul nord dello Stato ebraico. Media: "Idf propongono di rinunciare a Rafah e concentrarsi sul Libano"