Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:45
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Erdogan a cena con una transessuale dopo che la polizia turca ha fatto irruzione al gay pride

Immagine di copertina

Bulent Ersoy, di professione attrice, è conosciuta in Turchia come "la Diva". Si è sottoposta alle procedure per il cambio di sesso a Londra negli anni Ottanta

Domenica sera il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha consumato il pasto dell’iftar, che segna la fine del digiuno diurno nel mese sacro del Ramadam, nella sua residenza nel distretto di Tarabya, in compagnia della moglie Ermin e di Bulent Ersoy, celebrità transessuale.

Bulent Ersoy, di professione attrice, è conosciuta in Turchia come “la Diva”. Si è sottoposta alle procedure per il cambio di sesso a Londra negli anni Ottanta e poi è diventata molto famosa in patria, ma ciò non l’ha resa immune a diversi attacchi verbali e fisici nel corso degli anni.

Il presidente Erdogan non ha mai espresso ufficialmente la sua posizione sul tema degli omosessuali, sebbene venga sempre criticato per le sue opinioni conservatrici sul sesso e la pianificazione famigliare, e accusato di aver condotto una politica di islamizzazione della Turchia fin dalla sua salita al potere nel 2003.

Le foto della serata, distribuite dall’agenzia stampa di Erdogan, seguono di poche ore l’interruzione di un raduno LGBT da parte delle squadre antisommossa di Istanbul.

L’annuale Gay Pride, che doveva tenersi il 26 giugno, era stato cancellato dalle autorità per preservare la sicurezza e l’ordine pubblico, secondo dichiarazioni rilasciate venerdì. L’anno scorso il paese era infatti divenuto bersaglio di diversi bombardamenti in quel giorno, alcuni attribuiti allo Stato Islamico ed altri ai militanti curdi.

I manifestanti si erano radunati in Piazza Taksim, dove le dimostrazioni sono diventati illegali in seguito alle proteste contro il governo nel 2013. Lì hanno sventolato bandiere arcobaleno e hanno provato a leggere una comunicazione, ma la polizia è intervenuta prima che potessero riuscirci.

Centinaia di uomini delle squadre antisommossa hanno sparato proiettili di gomma ai manifestanti in via Istiklal e fatto ricorso a gas lacrimogeni per disperdere la folla. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Attentato a Susanna Schlein (sorella di Elly) ad Atene: è la prima consigliera dell’ambasciata italiana
Esteri / Russia, Lavrov accusa: “Militari ucraini addestrati anche in Italia”. La smentita del ministero della Difesa
Esteri / Biden: “Pronto a parlare con Putin”. E Macron lancia una conferenza per la pace a Parigi il 13 dicembre
Ti potrebbe interessare
Esteri / Attentato a Susanna Schlein (sorella di Elly) ad Atene: è la prima consigliera dell’ambasciata italiana
Esteri / Russia, Lavrov accusa: “Militari ucraini addestrati anche in Italia”. La smentita del ministero della Difesa
Esteri / Biden: “Pronto a parlare con Putin”. E Macron lancia una conferenza per la pace a Parigi il 13 dicembre
Esteri / Kanye West: “Vedo delle cose buone anche in Hitler”. Ed Elon Musk sospende l’account Twitter
Esteri / Professoressa apre profilo OnlyFans “per curare il figlio malato”: scoperta da alunni e genitori, si licenzia
Esteri / “Non hanno abbastanza follower”: influencer non parla più con i parenti e li blocca sui social
Esteri / Elon Musk: “Entro sei mesi il chip di Neuralink nel cervello di un essere umano”
Esteri / Minacce di morte a Megan Markle: cosa è successo alla moglie di Harry
Esteri / Genitori No vax bloccano l’operazione che può salvare la vita del figlio: “Non vogliamo sangue di vaccinati”
Esteri / Il leader ceceno Kadyrov risponde al Papa: “Vergognoso, è rimasto vittima della propaganda”