Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il presidente turco Erdogan ha incoraggiato una bambina di sei anni a farsi martire

Immagine di copertina
Il presidente turco Erdogan

Durante un comizio pubblico del partito a Kahramanmaras, dopo aver avvistato la bambina di 6 anni tra la folla, vestita con abiti militari e con il berretto marrone, l'ha chiamata sul palco e le ha detto che doveva essere onorata di diventare una martire

“Ha la bandiera turca in tasca. Se diventerà una martire, a Dio piacendo, la avvolgeremo con quella. Sei pronta a tutto, non è vero?”.

Con queste parole il presidente turco Recep Tayyip Erdogan si è rivolto a una bambina che assisteva insieme ai genitori a un comizio pubblico del partito a Kahramanmaras, nel sud della Turchia.

Dopo aver avvistato la bambina di 6 anni tra la folla, vestita con abiti militari e con il berretto marrone, l’ha esortata a farsi martire.

La bambina, che si chiama Amine Tiras e fa la prima elementare, poco dopo essere stata chiamata sul palco dal presidente ha iniziato a piangere.

La Turchia ha una lunga storia di ammirazione smisurata, vicina al culto, nei confronti del proprio esercito, con slogan popolari come “Ogni turco è nato soldato”.

Le agenzie di stampa turche hanno infatti raccontato la vicendo descrivendo la bambina come coraggiosa e risoluta, mentre molti turchi hanno definito inappropriato per una bambina così piccola il commento del presidente che le augurava di morire da martire.

Dopo il congresso, Erdoğan è stato accusato di avere usato la bambina per fare propaganda, soprattutto sui social network.

Da quando è stata lanciata l’operazione di Afrin, il governo ha lanciato una campagna nazionale a sostegno della guerra, con cartelloni e striscioni che lodano il lavoro delle forze armate e onorano quelli caduti in battaglia, a cui viene concesso l’onore dei martiri.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Il futuro dipende dai non vaccinati, salveranno l’umanità”: l’ultima teoria folle del Nobel Montagnier
Esteri / Djokovic, appello respinto: sarà espulso dall’Australia. “Deluso dalla sentenza”
Esteri / Proteste in Kazakistan, aggiornato il bilancio dei morti: sono 225
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Il futuro dipende dai non vaccinati, salveranno l’umanità”: l’ultima teoria folle del Nobel Montagnier
Esteri / Djokovic, appello respinto: sarà espulso dall’Australia. “Deluso dalla sentenza”
Esteri / Proteste in Kazakistan, aggiornato il bilancio dei morti: sono 225
Esteri / Come in un film, dottoressa fa nascere una bambina in volo: “Si chiama Miracolo”
Esteri / Eruzione del vulcano sottomarino Hunga Tonga-Hunga Haʻapai, ora è allarme tsunami | VIDEO
Esteri / Novak Djokovic nuovamente in stato di detenzione al Park Hotel. Stanotte decisione definitiva sull’esplusione
Esteri / Stati Uniti, dura accusa alla Russia: “Ha inviato commando in Ucraina per dare il pretesto all’invasione”
Esteri / Principe Andrea estromesso dalla famiglia reale per le accuse di abusi sessuali: “Decisivo il ruolo di William”
Esteri / Francia, Zemmour contro l’inglese: “Non deve essere più usato nell’Ue”
Esteri / Regno Unito, Ikea taglia l’indennità di malattia ai dipendenti non vaccinati costretti all’autoisolamento