Me
HomeEsteri

Elezioni nel Regno Unito 2019: speciale diretta video TPI

Gli exit poll, i commenti, le interviste e i risultati in un live video condotto dal direttore Giulio Gambino. Giovedì 12 dicembre dalle 22 sulla pagina Fb di The Post Internazionale e sul sito TPI.it

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 12 Dic. 2019 alle 06:26 Aggiornato il 12 Dic. 2019 alle 21:56

Speciale Elezioni nel Regno Unito 2019: la diretta di TPI

ELEZIONI REGNO UNITO 2019 – Il Regno Unito torna giovedì 12 dicembre torna al voto per eleggere i 650 membri della Camera dei Comuni. Delle elezioni che non eleggono solo il 58esimo Parlamento inglese, ma sono anche un nuovo “referendum di popolarità” sulla Brexit.

TPI seguirà gli exit poll e i risultati delle Elezioni nel regno Unito 2019 con uno speciale in diretta sulla pagina FB e sul sito dalle 22 all’1 di notte.

Speciale Elezioni Regno Unito 2019 su TPI

Quattro ore circa di live in diretta video dalla redazione di The Post Internazionale con ospiti, collegamenti, commenti e risultati in diretta.

A condurre la serata sarà il direttore di TPI.it Giulio Gambino e in studio interverranno il vicedirettore Stefano Mentana, la conduttrie del TG3 Mondo Maria Cuffaro, l’ex sottosegretario agli Esteri della Lega Guglielmo Picchi,  la presidente di Alternativa Europea Olimpia Troili, la giornalista di Repubblica Gabriella Colarusso, la giornalista di esteri Valentina Tocchi, l’eurodeputata Elly Schlein, la deputata del Pd Lia Quartapelle, il giornalista Roberto Bertoni, il corrispondente di TPI da Londra Maurizio Carta, i giornalisti politici di TPI Luca Serafini, Laura Melissari, Elisa Serafini, Luca Telese e molti altri.

Il video messaggio del direttore di TPI Giulio Gambino

Gli ospiti

Stefano Mentana, vice direttore di TPI

.

Luca Telese

.

Maurizio Carta, corrispondente di TPI a Londra

.

Elisa Serafini, giornalista di TPI

Perché il voto nel Regno Unito è così importante

In gioco c’è innanzitutto la Brexit. Se dovesse spuntarla Boris Johnson, con il suo ossessivo motto “Get Brexit Done” (“realizziamo la Brexit”), l’uscita dall’Europa sarebbe presto sancita e inappellabile perché il premier conservatore avrebbe una maggioranza tale da far passare senza troppi problemi il suo accordo Brexit in Parlamento e quindi dire ufficialmente addio all’Ue e iniziare i delicatissimi negoziati sui rapporti futuri Ue-Uk.

Se invece Jeremy Corbyn riuscisse nella clamorosa rimonta, potrebbe formare un governo di minoranza e approvare un nuovo referendum Brexit. Non solo. In ballo ci sono due idee radicalmente differenti per il futuro del Paese. Da una parte il neo-thatcherismo di Johnson e la vocazione neo-liberista del premier. Dall’altra, la soluzione socialista e anti neoliberismo di Corbyn, con la promessa di numerose nazionalizzazioni e una sensibile espansione del welfare e dello Stato nella vita dei cittadini.

Dentro il Rojava, guerra di Siria

Per i risultati di queste attesissime elezioni seguite TPI in diretta giovedì 12 dicembre, a partire dalle 22.

Leggi anche:

Dentro il Rojava, guerra di Siria

Il Regno Unito va alle elezioni più spaccato che mai: il bipolarismo britannico è finito

Gli ultimi sondaggi: Johnson in vantaggio, ma non c’è maggioranza

Minacce e sessismo: la difficilissima campagna elettorale delle candidate britanniche

Brexit rimandata al 31 gennaio 2020

Brexit, perché il confine irlandese è uno dei problemi più difficili da risolvere

Brexit, cosa prevede l’accordo raggiunto tra Ue e Regno Unito