Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 13:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Elezioni Finlandia: alla sinistra la maggioranza relativa, i populisti non sfondano

Immagine di copertina

ELEZIONI FINLANDIA 2019 – Il partito socialdemocratico ha ottenuto la maggioranza relativa alle elezioni parlamentari che si sono svolte domenica 14 aprile 2019 in Finlandia. Il partito di sinistra, guidato dall’ex leader sindacale Antti Rinne, si è attestato al 17,8 per cento delle preferenze.

La sinistra finlandese quindi ha ottenuto una vittoria arrivata però sul filo del rasoio, visto che i populisti di estrema destra (alleati di Matteo Salvini), i “Veri Finlandesi“, hanno ottenuto circa il 17,6 per cento dei consensi elettorali. Il partito guidato da Olli Kotro dunque ha ottenuto un ottimo risultato.

Seguono il partito conservatore Kokoomus del ministro delle Finanze Petteri Orpo e il partito di centro del premier uscente, Juha Sipila. Per quest’ultimo, dunque, una cocente sconfitta, maturata secondo gli analisti anche a causa dei pesanti tagli alla spesa pubblica arrivati nell’ultima legislatura.

E adesso la formazione del governo diventa un vero rebus.

Il partito socialdemocratico ha comunque esultato per il risultato delle elezioni in Finlandia: “Per la prima volta dal 1999 – ha sottolineato Rinne dal suo quartier generale – i socialdemocratici sono il partito del primo ministro”.

Quella dei “Veri Finlandesi” è stata però una grande rimonta: data come secondo partito dai sondaggi, nel tardo pomeriggio di domenica (quando lo spoglio era ancora in corso) l’estrema sinistra finlandese era scivolata molto indietro. Poi, in serata, la risalita nelle preferenze.

L’ultradestra finlandese, infatti, ha puntato tutto sulla paura dei cittadini di nuovi sacrifici economici richiesti dagli altri partiti per contrastare i cambiamenti climatici e sulla preoccupazione di un aumento dei reati sessuali, attribuiti dai “Veri Finlandesi” agli immigrati.

Una campagna elettorale, quella dell’estrema destra, basata sul contrasto agli stranieri, che ha portato all’alleanza – in vista delle elezioni europee – dei “Veri Finlandesi” con il progetto sovranista di Matteo Salvini.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Esteri / Colombia, catturato il narcotrafficante Otoniel. Il presidente Duque: "È il colpo del secolo"
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Ti potrebbe interessare
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Esteri / Colombia, catturato il narcotrafficante Otoniel. Il presidente Duque: "È il colpo del secolo"
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte
Esteri / Scudo spaziale, battaglione da 5.000 unità, cooperazione con la Nato: come sarà l’esercito europeo
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni