Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:24
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Egitto, muore in cella il regista simbolo che aveva girato un video contro Al Sisi

Immagine di copertina
Shady Habash Credits: Facebook

Shady Habash aveva passato due anni nello stesso carcere di Patrick Zaky in attesa di processo

Il fotografo e regista egiziano Shady Habash è morto venerdì 1 maggio nel carcere di Tora, alla periferia del Cairo: da oltre due anni era in attesa di processo dopo essere stato arrestato per aver diretto il video musicale di una canzone critica nei confronti del presidente Abdel Fatah al Sisi. Le cause della sua morte non sono ancora state rese note.

La stessa prigione di Patrick Zaky

Il carcere è lo stesso in cui è rinchiuso Patrick Zaky, il ricercatore 28enne dell’università di Bologna arrestato al Cairo a febbraio. La morte del giovane regista fa ancora una volta riflettere sulle condizioni in cui i detenuti vivono all’interno delle carceri egiziane, già normalmente sporche e sovraffolate e in queste settimane rese ancora più pericolose dal dilagare del Coronavirus. In particolare, il complesso carcerario di Tora è considerato uno dei peggiori d’Egitto, ed è situato nell’omonima città (nota anche come Tura) a sud del Cairo. L’istituto comprende quattro prigioni, un ospedale militare e un carcere di massima sicurezza noto come Scorpion.

Senza sentenza, né processo

L’ultimo messaggio che il giovane regista era riuscito a scrivere alla famiglia risale al 2019: “Sto morendo lentamente, giorno dopo giorno. La prigione ti ammazza così. Prima cerchi di resistere, poi di non impazzire dopo essere stato buttato dentro una cella e dimenticato, senza sapere se e quando ne uscirai”. Habash era stato arrestato nel marzo 2018 per aver curato la regia di “Balaha”, una canzone di Ramy Essam, uno dei più famosi cantanti egiziani, icona della rivoluzione di piazza Tahrir, a sua volta arrestato, torturato e poi fuggito in Svezia. “Shady non aveva niente a che vedere con il contenuto della canzone. Da regista affermato lavorava costantemente su progetti in Medio Oriente e quello di ‘Balaha’ non era che uno dei tanti video che aveva diretto”, scrive Essam sulle sue pagine social.

Anche l’autore della canzone era stato arrestato e condannato, nell’agosto 2018, a tre anni di carcere. Contro Habash invece non c’era stata sentenza, né processo: i capi di imputazione contro di lui (diffusione di notizie false, appartenenenza a un gruppo terroristico ecc) sono simili a quelli che pendono sulla testa di migliaia di egiziani accusati di essere oppositori del presidente al Sisi. Incluso Patrik Zaky. Per mesi il ragazzo è stato convocato dai giudici e la sua detenzione prolungata di 45 giorni in 45 giorni senza poter discutere delle accuse. Un meccanismo più volte denunciato da Amnesty International e da altri gruppi che si occupano di diritti umani.

Leggi anche:

1. Studente arrestato in Egitto, testimonianza esclusiva dal Cairo: “Vi racconto il vero motivo per cui hanno incarcerato il mio amico Patrick”; 2. “Torturato per ore, Al Sisi lo faccia tornare in Italia”: la collega dello studente arrestato in Egitto a TPI; 3. ESCLUSIVA TPI: ecco le accuse contro Patrick George Zaki, lo studente arrestato oggi in Egitto

4.Libertà per Patrick Zaki, il ragazzo fermato al Cairo (illustrazione di Gianluca Costantini); 5.Regeni, 4 anni dopo: tutta la fuffa della politica che ci ha preso in giro (di L. Tomasetta)

Ti potrebbe interessare
Esteri / Regno Unito, Johnson annuncia la fine delle restrizioni: ma la pandemia corre ancora
Esteri / Eruzione Tonga, Nasa: “500 volte più potente della bomba atomica su Hiroshima”
Esteri / Tonga: arrivano i primi aiuti dopo l’eruzione, ma le autorità temono che i soccorritori possano portare uno “tsunami di Covid”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Regno Unito, Johnson annuncia la fine delle restrizioni: ma la pandemia corre ancora
Esteri / Eruzione Tonga, Nasa: “500 volte più potente della bomba atomica su Hiroshima”
Esteri / Tonga: arrivano i primi aiuti dopo l’eruzione, ma le autorità temono che i soccorritori possano portare uno “tsunami di Covid”
Esteri / Nizza, spari in centro durante un blitz della polizia: un morto
Esteri / Gerusalemme, primo sfratto da cinque anni a Sheikh Jarrah: Israele demolisce la casa di una famiglia palestinese
Esteri / Ucraina, Blinken invita Putin a scegliere una via pacifica
Esteri / Arrestati in Congo gli assassini dell’ambasciatore Attanasio. “Volevano rapirli”
Esteri / Regno Unito, al via test per settimana lavorativa di 4 giorni
Esteri / Covid, in calo i contagi nel Regno Unito. L’Oms: “La fine della pandemia non è lontana”
Esteri / Roberta Metsola è la nuova presidente del Parlamento Europeo: “Onorerò David Sassoli”