Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:24
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Egitto, lanciata un’app che allerta i contatti in caso di arresto

Immagine di copertina

Nel paese, centinaia di persone svaniscono nel nulla ad opera delle forze di sicurezza. I Protect consente all'utente di inviare le proprie coordinate per non scomparire

Scomparire nel nulla ad opera delle forze di sicurezza egiziane ormai è un’eventualità tutt’altro che remota, come testimonia la tragedia di Giulio Regeni. Ecco perché la Commissione egiziana sui diritti e le libertà (Ecrf) ha lanciato I Protect, un’app che consente agli utenti di allertare i propri contatti e l’organizzazione stessa in caso di arresto.

L’app lanciata dal gruppo, disponibile per dispositivi Android, consente all’utente di digitare un codice in quella che è mascherata come una banale calcolatrice e inviare a tre contatti e all’organizzazione stessa un messaggio con le coordinate del luogo di arresto.

Intervenire entro le prime 24 ore dal fermo è cruciale e la geolocalizzazione consente di individuare più facilmente la posizione della persona fermata, prima che si perda nei meandri del sistema giudiziario egiziano, all’interno del quale sarebbe difficile rintracciarla.

I Protect potrebbe essere un modo di monitorare l’operato delle forze di sicurezza e costringerle a seguire i protocolli, prevenendo scomparse, abusi e torture. Tuttavia, non rappresenta una soluzione a un problema che lo stato egiziano rifiuta di riconoscere.

Secondo Ecrf, nei primi otto mesi del 2015 sono scomparse 1.250 persone, fermate per strada e trasferite in centri di detenzione.

Si pensa che attualmente centinaia di persone siano detenute segretamente (e illegalmente) negli uffici dell’agenzia per la sicurezza nazionale, situati nell’edificio che ospita il ministero dell’Interno.

Attivisti, giornalisti e studenti sono tra le vittime più comuni. Amnesty International riferisce che ragazzi di appena 14 anni scompaiono nel nulla ad opera di enti governativi e viene negato loro qualsiasi contatto non solo con le famiglie ma anche coi legali.

Ti potrebbe interessare
Esteri / San Marino, raggiunta l’immunità di gregge (con lo Sputnik)
Esteri / Cade da una gru durante un video in diretta: morta a 23 anni la star di TikTok Xiao Qiumei
Esteri / Ora Bezos vuole la Luna: proposto alla Nasa lo sviluppo di un lander lunare
Ti potrebbe interessare
Esteri / San Marino, raggiunta l’immunità di gregge (con lo Sputnik)
Esteri / Cade da una gru durante un video in diretta: morta a 23 anni la star di TikTok Xiao Qiumei
Esteri / Ora Bezos vuole la Luna: proposto alla Nasa lo sviluppo di un lander lunare
Esteri / Leverkusen, esplosione in un impianto chimico: almeno un morto. Le autorità: "Non uscite e tenete porte e finestre chiuse"
Ambiente / Il ceo di Philip Morris: “Favorevole al divieto totale di fumo entro il 2030”
Esteri / Costretti a vivere tra le macerie: le vite spezzate dei bambini a Raqqa
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento
Esteri / Pizza per l’Italia e Chernobyl per l’Ucraina: la gaffe della tv sudcoreana alle Olimpiadi di Tokyo