Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:30
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Gli effetti dell’Lsd sul cervello scoperti per la prima volta

Immagine di copertina

I ricercatori dell'Imperial College di Londra hanno osservato gli effetti della droga psichedelica sull'attività cerebrale attraverso una serie di esperimenti

I ricercatori dell’Imperial College di Londra, in
collaborazione con la Fondazione Beckley, hanno recentemente osservato per
la prima volta gli effetti dell’Lsd sul cervello umano attraverso una serie di
esperimenti.

Il team guidato da Robin Carhart-Harris e David Nutt, del
Dipartimento di Medicina e Neuropsicofarmacologia presso l’Imperial College, ha
somministrato a venti volontari sani una dose da 75 microgammi di dietilammide-25
dell’acido lisergico, meglio noto come Lsd, uno degli allucinogeni più noti al mondo.

Poi, attraverso tecniche di imaging di ultima generazione, ovvero di visualizzazione delle
attività cerebrali, hanno osservato quali fossero gli effetti rispetto ad altri
volontari che avevano invece assunto un placebo.

Fonte: Imperial College London

I risultati, pubblicati negli atti della National Academy of Sciences (Pnas), rivelano per la prima volta dopo circa cinquant’anni di studi
ciò che accade nel cervello quando le persone sperimentano le allucinazioni
visive provocate dalla droga in questione.

In condizioni normali, per esempio, le informazioni che
arrivano ai nostri occhi dall’esterno vengono elaborate da una parte del
cervello situata nella parte posteriore della testa, la corteccia visiva. Al
contrario, quando i volontari hanno assunto Lsd, molte altre aree del cervello contribuivano
all’elaborazione dei dati visivi.

Il dottor Carhart-Harris ha spiegato: “Normalmente il
nostro cervello è costituito da reti indipendenti che svolgono funzioni
distinte specializzate, come la visione, il movimento e l’udito, mentre sotto
Lsd queste funzioni diventano più integrate. In questo modo si viene a creare
quell’effetto di ‘ego-dissoluzione’ che fa perdere il proprio normale senso di
sé e lo sostituisce con una temporanea riconnessione con se stessi, con gli
altri e con la natura”.

Secondo il dottore che ha guidato il team, il cervello sotto
Lsd assomiglia a quello dei bambini, più libero, iper-emotivo e fantasioso, e i
prossimi esperimenti serviranno a capire l’effettiva possibilità di effetti
terapeutici delle droghe psichedeliche per persone con disturbi psichiatrici o
fisici.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Esteri / Olanda: “Pronti a fornire supporto militare all’Ucraina”
Esteri / L’Ue ristabilisce una “presenza minima” in Afghanistan: “Ma non riconosciamo i talebani”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Esteri / Olanda: “Pronti a fornire supporto militare all’Ucraina”
Esteri / L’Ue ristabilisce una “presenza minima” in Afghanistan: “Ma non riconosciamo i talebani”
Esteri / L’Ucraina accusa la Russia: “Ha aumentato le forniture militari a separatisti”
Esteri / L’Austria approva l’obbligo vaccinale: è il primo Paese in Europa
Esteri / Dopo un anno di presidenza Biden la rotta migratoria Messico-Usa è ancora un inferno: la denuncia di Msf
Esteri / Pedofilia, quasi 500 vittime di abusi nella diocesi di Monaco. Ratzinger non agì di fronte a 4 casi
Esteri / “Fateci pagare più tasse”: l’appello di cento super ricchi ai grandi della terra
Esteri / Djokovic ha comprato l’80% di un’azienda che lavora a una cura per il Covid
Esteri / Regno Unito, Johnson annuncia la fine delle restrizioni: ma la pandemia corre ancora