Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Ecosia, il motore di ricerca che pianta alberi

Immagine di copertina

Un motore di ricerca con oltre 3 milioni di utenti attivi per combattere la deforestazione con i guadagni pubblicitari

E se invece di usare Google per le vostre ricerche, utilizzaste un motore di ricerca che vi permetta di contribuire a combattere la deforestazione? La startup di nome Ecosia, ideata nel 2009 a Berlino, è un motore di ricerca alternativo che tramite il suo guadagno pubblicitario pianta alberi per contribuire alla salvaguardia dell’ambiente. 

La tecnologia al servizio dei valori. Il sito ha già 3 milioni di utenti attivi e circa 15 milioni di visite al mese. Fino a oggi ha piantato oltre 6 milioni di alberi nel mondo. Ma come? Ecosia dona l’80 per cento del guadagno pubblicitario a un programma di protezione della foresta pluviale gestito dal Wwf. Tramite le numerose ricerche, sono stati raccolti quasi 3 milioni di euro per la causa. 

Perché alberi?

Secondo la startup berlinese, gli alberi contribuiscono a migliorare il clima, rendendolo più fresco, a frenare il cambiamento climatico e a migliorare la nostra felicità e la qualità della vita. Gli alberi rilasciano ossigeno e ripuliscono l’aria che respiriamo, rendono il suolo più fertile e produttivo, oltre che fornirci cibo salutare e numerosi altri prodotti che possono essere raccolti in maniera sostenibile. 

Tra le aree nella quali Ecosia sta contribuendo al loro rinverdimento ci sono il Burkina Faso, il Perù e il Madagascar. In alcune località, gli abitanti locali dei villaggi sono assunti  per ripiantare alberi nelle foreste. In Madagascar, per esempio, la maggior parte degli alberi piantati sono mangrovie. Questa pianta è in grado di assorbire grandi quantità di carbonio dall’atmosfera. 

Di seguito un video delle attività di rinverdimento del progetto Eden in Madagascar

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, sparatoria alla parata del 4 luglio nell’area di Chicago: “almeno 5 morti e 16 feriti”
Esteri / Ricky Martin accusato di violenza domestica nei confronti dell’ex
Esteri / Usa, 25enne afroamericano ucciso con 60 colpi di pistola dalla polizia durante in inseguimento: il video
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, sparatoria alla parata del 4 luglio nell’area di Chicago: “almeno 5 morti e 16 feriti”
Esteri / Ricky Martin accusato di violenza domestica nei confronti dell’ex
Esteri / Usa, 25enne afroamericano ucciso con 60 colpi di pistola dalla polizia durante in inseguimento: il video
Esteri / Anticipazione TPI – Il razzismo verso afroamericani e minoranze negli Usa raccontato da “Il fattore umano”
Esteri / Guerra in Ucraina, Mosca: "Occidente non permette la pace”. Kiev: “Negoziati solo dopo cessate il fuoco”
Esteri / Usa, in Texas torna in vigore una legge del 1925 che vieta l’aborto e lo punisce col carcere
Esteri / Corte Suprema anti-aborto: così da 250 anni i giudici sono al servizio della destra
Esteri / Messico, albergatore italiano ucciso a colpi di pistola: stava andando a prendere le figlie a scuole
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie. Potenti esplosioni avvertite a Mykolaiv, nuovi aiuti dagli Usa. Cingolani: “Se Mosca chiudesse il gas, l’inverno potrebbe essere difficile”
Esteri / Mamma vegana costringe il figlio a mangiare solo frutta e verdura cruda per 18 mesi: lui muore di fame