Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

È morto “Papa” Camara, stella del calcio africano anni ’70

Immagine di copertina

Il calcio guineano piange la morte di Naby Laye “Papa” Camara, storico capitano della nazionale negli anni Settanta e Ottanta, venuto a mancare all’età di 66 anni lo scorso 4 gennaio dopo una lunga malattia. La notizia è stata diffusa il 6 gennaio, due giorni dopo la sua scomparsa.

Camara era considerato uno dei più grandi calciatori guineani di sempre. Ha infatti disputato cinque finali dell’African Club Champions Cup (precedente nome dell’attuale African Champions League), vincendola tre volte con la maglia dell’Hafia FC, squadra di Conakry, nel 1972, 1975 e 1977.

Camara era noto soprattutto per la sua abilità nel dribbling, che lo ha reso uno dei più forti giocatori africani degli anni Settanta. Proprio nel 1976 contribuì al secondo posto della sua nazionale nella Coppa d’Africa disputatasi quell’anno in Etiopia, arrendendosi in finale contro il Marocco. Ad oggi, quello del 1976 è ancora il miglior risultato raggiunto dalla Guinea nel trofeo continentale.

Lo stesso anno, Camara si piazzò secondo anche nella classifica per il miglior giocatore africano, alle spalle dello storico attaccante del Camerun Roger Milla.

Ritiratosi dal calcio negli anni Ottanta, ha lavorato come assistente per la nazionale di calcio della Guinea.

Un sentito messaggio di cordoglio è arrivato da Antonio Souaré, presidente della federazione calcistica guineana, in cui ha detto come la morte di Camara sia stata una grande perdita per il calcio del paese.

La fama del calciatore però non era limitata solo alla Guinea, come ha raccontato Sam Obi Metzger, ex allenatore della nazionale della Sierra Leone, alla BBC: “Era un’icona del calcio, uno dei migliori giocatori che la Guinea abbia mai avuto, ci mancherà”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Siccità in tutto il mondo: piogge artificiali e razionamenti non bastano
Esteri / Nuova Zelanda, comprano valigie all’asta e trovano i resti di due bambini
Esteri / Sanna Marin scatenata ad un party: la premier finlandese travolta dalle polemiche
Ti potrebbe interessare
Esteri / Siccità in tutto il mondo: piogge artificiali e razionamenti non bastano
Esteri / Nuova Zelanda, comprano valigie all’asta e trovano i resti di due bambini
Esteri / Sanna Marin scatenata ad un party: la premier finlandese travolta dalle polemiche
Esteri / L'esercito israeliano chiude sei Ong palestinesi etichettate come terroriste: "Attacco alla libertà"
Esteri / La Germania sta finendo il gas e i costi ricadono sui consumatori
Esteri / Kabul, forte esplosione in una moschea: almeno tre morti e decine di feriti
Esteri / Usa, spara nell’appartamento della vicina perché infastidita dal pianoforte: arrestata infermiera
Esteri / La Cina invierà truppe in Russia per esercitazioni militari congiunte
Esteri / Regno Unito, uomo arrestato nel parco di Windsor a Natale: “Sono qui per uccidere la Regina”
Esteri / Londra, incendio tra London Bridge e Waterloo East. “Tenete chiuse porte e finestre”