Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Due Ong israeliane hanno fatto ricorso contro la legalizzazione degli insediamenti in Cisgiordania

Immagine di copertina

La Corte Suprema di Gerusalemme dovrà esprimersi sulla legittimità del provvedimento adottato dalla Knesset il 6 febbraio 2017

Due organizzazioni non governative israeliane hanno fatto ricorso mercoledì 8 febbraio 2017 contro il provvedimento adottato dalla Knesset lunedì 6 febbraio che legalizza circa duemila insediamenti ebraici costruiti su terreni privati palestinesi in Cisgiordania in cambio di un indennizzo. Secondo i ricorrenti, la legge varata dal parlamento israeliano è contraria al diritto internazionale e al diritto umanitario e pertanto incompatibile con il sistema legale d’Israele. A esprimersi sulla questione sarà la Corte Suprema di Gerusalemme.

Il ricorso è stato presentato da Adalah (una Ong per la difesa dei diritti della minoranza araba in Israele) e dal Centro di Gerusalemme per i diritti umani. Essi sostengono che la legge violi il diritto di proprietà dei palestinesi residenti in Cisgiordania. Essi si trovano infatti esposti al rischio di essere privati delle proprie terre a beneficio dei coloni israeliani “sulla base di una ideologia etnica”, e senza strumenti legali per difendersi.

“Lo scopo dichiarato ed evidente della legge”, affermano i ricorrenti, “è la volontà di preferire gli interessi di questo gruppo” a discapito della comunità palestinese. Al ricorso si sono associati 17 enti locali palestinesi della Cisgiordania che hanno documentato la presenza di colonie su terreni privati palestinesi.

Il quotidiano Maariv ha reso noto che anche il consigliere legale del governo Avichay Mandelblit potrebbe decidere di sostenere l’iniziativa e opporsi alla nuova legge.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza