Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:35
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Ecco che fine hanno fatto i due 25enni Hassan e Mostafa che erano spariti in Egitto

Immagine di copertina

Dei due giovani si erano perse le tracce domenica 4 febbraio 2018, ora risultano rinchiusi nella sede dei servizi segreti egiziani a Sheikh Zayed City-Giza

Hassan e Mustafa, due 25enni egiziani, erano scomparsi la mattina di domenica 4 febbraio 2018 mentre percorrevano la strada che dal Cairo porta ad Alessandria.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Dopo 15 giorni di ricerche da parte delle rispettive famiglie, è arrivata la conferma: i due giovani sono stati arrestati e si trovano nella sede dei servizi segreti egiziani a Sheikh Zayed City-Giza.

Il centro è tristemente famoso per le torture e la fabbricazione di accuse false ai danni delle vittime.

Contro di loro è stata aperta un’accusa per terrorismo e sono stati condannati, per il momento, a 15 giorni di carcere per aver causato disordini all’interno dello stato egiziano.

La notizia arriva a TPI direttamente dal fratello di Hassan, il giornalista di Alaraby, Abdelrahman Fares, che alcuni anni fa, per motivi di sicurezza, ha dovuto lasciare l’Egitto e trasferirsi in Qatar, dove ora vive e lavora.

LEGGI ANCHE: Spariti nel nulla come Regeni: dove sono i due 25enni egiziani Hassan e Mostafa?

Hassan lavora come correttore di bozze per il giornale indipendente al-Shorouk e Mustafa per il “centro regionale dei diritti e delle libertà”, dove si occupa di libertà di espressione e violazioni dei diritti umani, in particolare nei confronti dei giornalisti.

La causa intentata contro i ragazzi è la numero 441 e include un numero ben più alto di detenuti.

Secondo gli attivisti egiziani per le libertà civili, questo tipo di cause vengono intentate periodicamente per praticare i cosiddetti “arresti di massa”, ossia quelle epurazioni praticate dal governo che ha intenzione di far sparire un numero consistente di persone ritenute “scomode”.

In un rapporto di Amnesty International del luglio 2016 viene rivelato che gli arresti di dissidenti o presunti tali in Egitto sono stati più di 34mila dal 2013. Soltanto nei primi sette mesi del 2017 le sparizioni forzate sono state oltre 250.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Il futuro dipende dai non vaccinati, salveranno l’umanità”: l’ultima teoria folle del Nobel Montagnier
Esteri / Djokovic, appello respinto: sarà espulso dall’Australia. “Deluso dalla sentenza”
Esteri / Proteste in Kazakistan, aggiornato il bilancio dei morti: sono 225
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Il futuro dipende dai non vaccinati, salveranno l’umanità”: l’ultima teoria folle del Nobel Montagnier
Esteri / Djokovic, appello respinto: sarà espulso dall’Australia. “Deluso dalla sentenza”
Esteri / Proteste in Kazakistan, aggiornato il bilancio dei morti: sono 225
Esteri / Come in un film, dottoressa fa nascere una bambina in volo: “Si chiama Miracolo”
Esteri / Eruzione del vulcano sottomarino Hunga Tonga-Hunga Haʻapai, ora è allarme tsunami | VIDEO
Esteri / Novak Djokovic nuovamente in stato di detenzione al Park Hotel. Stanotte decisione definitiva sull’esplusione
Esteri / Stati Uniti, dura accusa alla Russia: “Ha inviato commando in Ucraina per dare il pretesto all’invasione”
Esteri / Principe Andrea estromesso dalla famiglia reale per le accuse di abusi sessuali: “Decisivo il ruolo di William”
Esteri / Francia, Zemmour contro l’inglese: “Non deve essere più usato nell’Ue”
Esteri / Regno Unito, Ikea taglia l’indennità di malattia ai dipendenti non vaccinati costretti all’autoisolamento