Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 16:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Drone britannico uccide due cittadini del Regno Unito membri dell’Isis

Immagine di copertina

Secondo il Primo ministro Cameron i due cittadini britannici stavano progettando un attacco contro il Regno Unito

Il primo ministro del Regno Unito David Cameron ha reso noto che due cittadini britannici arruolati nell’esercito dello Stato Islamico sono stati uccisi in Siria da un drone della Raf (Royal Air Force), l’aeronautica militare britannica. 

La conferma è arrivata dal premier britannico in un intervento alla Camera dei comuni il 7 settembre 2015, durante il quale è stata messa in primo piano la questione della crisi siriana. 

Reyaad Khan, un ventunenne di Cardiff, Ruhul Amin, un ventiseienne di Aberdeen e un terzo estremista il cui nome è ancora sconosciuto sono stati uccisi da un drone il mese scorso, mentre si trovavano a bordo di un veicolo a Raqqa, città nel nord della Siria e considerata la capitale dello Stato Islamico. 

Un altro cittadino britannico di 21 anni proveniente da Birmingham simpatizzante dell’Isis sarebbe stato ucciso invece da parte di un raid dell’esercito statunitense sempre in Siria.

Secondo Cameron, i due estremisti islamici uccisi rappresentavano un pericolo per il Regno Unito in quanto stavano progettando alcuni attacchi “barbarici” contro il Paese. Di conseguenza, questa azione militare sarebbe un atto di “autodifesa” che rientra completamente all’interno dei parametri della legge britannica, ha sostenuto il primo ministro.

La dichiarazione di Cameron conferma quindi quello che è il primo intervento militare da parte del Regno Unito in Siria, nonostante nel 2013 il parlamento britannico avesse votato contro un intervento armato in territorio siriano. In precedenza, l’aeronautica militare britannica aveva condotto raid aerei solamente in Iraq.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Esteri / Colombia, catturato il narcotrafficante Otoniel. Il presidente Duque: "È il colpo del secolo"
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Ti potrebbe interessare
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Esteri / Colombia, catturato il narcotrafficante Otoniel. Il presidente Duque: "È il colpo del secolo"
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte
Esteri / Scudo spaziale, battaglione da 5.000 unità, cooperazione con la Nato: come sarà l’esercito europeo
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni