Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

“Ti ucciderò e preparerò il sushi con i tuoi reni”: stalker invia 159mila messaggi all’uomo che l’ha respinta

Immagine di copertina

Una donna di 31 anni è stata arrestata dalla polizia con l’accusa di staliking. Jacquelyn Ades, questo il suo nome, secondo quanto ricostruito dalla polizia americana avrebbe inviato ben 159 mila messaggi di testo a un uomo dopo essere stata respinta.

La donna inoltre avrebbe fatto irruzione in casa della vittima, usato il suo bagno per fargli dispetto, e infine si sarebbe presentata sul posto di lavoro dell’uomo spacciandosi per la moglie.

La polizia, dopo aver raccolto qualche prova, l’ha quindi arrestata a Phoenix (città in cui vive e lavora come estetista) lo scorso maggio. Durante la perquisizione è stato poi trovato un grosso coltello da cucina occultato nell’auto della donna. Il perché fosse lì è facile immaginarlo.

Ma come sono andate le cose? Inizialmente, Jacquelyn Ades, dalla Florida, aveva inviato alla vittima 65 mila messaggi in dieci mesi. Numero enorme che poi è lievitato ad almeno 159 mila sms.

Messaggi d’amore? Non proprio. Molti sms avevano toni minacciosi: “Non cercare mai di lasciarmi… Ti ucciderò… Non voglio diventare un’assassina”. E ancora: “Preparerò il sushi con i tuoi reni e userò le ossa delle tue mani come bacchette”.

Ades – secondo quanto ricostruito dalla polizia – avrebbe iniziato a perseguitare l’uomo, conosciuto su un sito di appuntamenti e poi incontrato di persona, dopo che la vittima (amministratore delegato di una società di prodotti per la cura della pelle il cui nome non è stato svelato) gli aveva comunicato di non voler continuare la frequentazione. Un rifiuto che – evidentemente – la donna non ha preso affatto bene.

Jacquelyn Ades, dallo scorso maggio, è in carcere in attesa di processo con l’accusa di stalking. Una volta in manette la donna avrebbe detto alle autorità di essere al corrente del fatto che la vittima non volesse proseguire la frequentazione e che non voleva ferirlo o mettergli paura, ma che si sarebbe trattato solo di messaggi “divertenti. Qualcun altro dovrebbe amarlo – le parole di Jacquelyn -. Ha così tanto da amare. Lui è così carino. Non posso credere di averlo spaventato”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari