Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Dodici professori universitari sono stati arrestati in Turchia

Immagine di copertina

I docenti sono accusati di aver firmato una petizione per chiedere al governo turco la fine degli scontri con i ribelli curdi

Dodici professori universitari sono stati arrestati venerdì 15 gennaio in Turchia, con l’accusa di aver firmato una petizione per chiedere la fine delle operazioni militari contro i ribelli curdi nel sud-est dell’Anatolia. Lo riferisce uno dei principali quotidiani turchi, Hurriyet. Altri nove docenti rischiano di finire in carcere, secondo quanto riporta l’agenzia di stampa governativa Anadolu citando fonti della polizia locale. 

Le persone arrestate sotto tutti professori dell’Università di Kocaeli, nel nord ovest della Turchia. I ventuno docenti sono accusati di aver promosso una raccolta firme nell’ambito dell’iniziativa “Accademici per la pace” dal titolo “Noi non saremo parte di questo crimine”. Sono oltre 1000 fra accademici, intellettuali in Turchia e all’estero che hanno firmato la petizione per chiedere al governo di “cessare i massacri” nel sud-est del paese e riprendere gli sforzi di pace con i ribelli curdi. Tra i firmatari dell’appello figura anche il celebre linguista internazionale e filosofo Noam Chomski. 

Secondo il rapporto della polizia locale, i docenti universitari sono colpevoli di aver violato il controverso articolo 301 del codice penale turco, secondo cui è illegale insultare la nazione turca, lo Stato della repubblica turca, la Grande assemblea della Turchia e le istituzioni giudiziarie dello Stato. Gli accademici sono accusati di “propaganda terroristica”. 

Il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan ha definito l’accaduto come “un atto di tradimento da parte dei cosiddetti intellettuali”.

Negli ultimi mesi si sono verificati ripetuti scontri fra separatisti del Pkk e l’esercito turco. Giovedì 14 gennaio un autobomba è esplosa all’esterno del quartier generale della polizia nel distretto di Cinar, in una zona dove la maggioranza della popolazione è di etnia curda. Sei persone sono state uccise. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Ti potrebbe interessare
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Esteri / Il business militare di Amazon con Israele rischia di reprimere i palestinesi: vi sveliamo come
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa