Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 06:13
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Una 12enne è stata violentata dal preside e da tre insegnanti di una scuola in India

Immagine di copertina

La ragazza aveva accompagnato la madre che insegna in quell'istituto. È stata ritrovata scarmigliata, in preda a un'emorragia ed è stata ricoverata in condizioni critiche

Una ragazza di 12 anni è in condizioni critiche dopo essere stata violentata da un gruppo di quattro uomini in India. Secondo le autorità locali, i responsabili sono il preside e tre membri del suo staff che lavorano presso l’istituto scolastico di Kako, nello stato del Bihar. 

La giovane è stata ritrovata scarmigliata e in stato confusionale sul tetto della scuola dalla madre, che lavora come insegnante nell’istituto dove è avvenuto il fatto. 

La polizia ha raccolto la sua testimonianza. La donna ha puntato il dito contro i quattro uomini e ha raccontato che la figlia aveva descritto nei particolari lo stupro di gruppo subito. 

“Lei è la mia unica figlia, ed è mentalmente instabile”, ha raccontato la madre della ragazza al quotidiano The Indian Express. “In casa non c’è nessuno che si prenda cura di lei, pertanto capita che la porti a scuola con me”, ha precisato la donna. 

Il portavoce della polizia locale, Kusum Bharti, ha dichiarato che le autorità hanno accusato di stupro Aju Ahmad, il preside della scuola secondaria di Kako e tre insegnanti identificati come Mohammed Shaukat, Abdul Bari e Atul Rahman. 

Al momento i quattro sospetti risultano in fuga. Intanto, la giovane vittima è stata ricoverata al Patna Medical College per una grave emorragia e le sue condizioni appaiono critiche. Lo ha reso noto l’Hindustan Times. “Le condizioni della ragazza sembrano confermare la versione dei fatti fornita dalla madre, e abbiamo spiccato un mandato d’arresto contro i colpevoli”, ha dichiarato Bharti. 

In un recente rapporto diffuso da ActionAid UK, si legge che quasi quattro donne su cinque in India hanno subito un qualche tipo di molestia in pubblico, dagli sguardi insistenti, agli insulti e i fischi per strada  fino all’essere seguite, palpeggiate e violentate.

Lo studio, che ha coinvolto 500 donne nelle città di tutta l’India, ha rilevato che l’84 per cento delle intervistate che hanno subito molestie è di età compresa tra i 25 e i 35 anni, per lo più studentesse e donne che lavorano.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Ti potrebbe interessare
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Esteri / Colombia, catturato il narcotrafficante Otoniel. Il presidente Duque: "È il colpo del secolo"
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte
Esteri / Scudo spaziale, battaglione da 5.000 unità, cooperazione con la Nato: come sarà l’esercito europeo