Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 15:13
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Italia, il 60% dei giovani disoccupati non è disposto a trasferirsi per trovare lavoro

Immagine di copertina
Un'indagine Eurostat rivela che la maggior parte dei giovani disoccupati italiani tra i 20 e i 34 anni non sono disposti a trasferirsi altrove per trovare un impiego.

Un'indagine Eurostat rivela che la maggior parte dei giovani disoccupati italiani tra i 20 e i 34 anni non sono disposti a trasferirsi altrove per trovare un impiego

Il 60 per cento dei giovani disoccupati italiani tra i 20 e i 34 anni non è disposto a trasferirsi per trovare lavoro. A renderlo noto è una ricerca dell’agenzia di statistica Eurostat sui giovani disoccupati dell’Unione europea, da cui emerge che il dato italiano è superiore alla media continentale, quantificabile al 50 per cento.

Tra i giovani disoccupati disposti a spostarsi, il 20 per cento è disponibile solo purché rimanga in Italia, mentre altrettanti sono disposti anche a recarsi all’estero. Di questi, il 13 per cento è disposto anche a lasciare l’Europa, diversamente dal restante 7.

La disponibilità al trasferimento aumenta proporzionalmente al titolo di studi stando all’indagine, dal momento che la fascia più disposta a trovare lavoro lontano da casa è quella con un livello di istruzione considerato alto.

Se andiamo a vedere gli altri paesi europei, il rapporto illustra come quelli in cui i giovani sono più disposti a trasferirsi in un altro continente sono gli svedesi (34 per cento) seguiti da spagnoli e finlandesi (al 28) e francesi (al 27). Considerando solamente gli spostamenti in altri paesi continentali, il primato spetta agli estoni e ai croati (al 26 per cento) seguiti dagli sloveni (25). I più propensi a spostarsi esclusivamente nel proprio paese sono risultati invece rumeni e tedeschi (al 37 per cento) seguiti da irlandesi e cechi (al 35).

L’Italia, come abbiamo detto, vede il 60 per cento dei suoi giovani disoccupati non intenzionati a trasferirsi, un dato superiore rispetto alla media Ue, rilevata al 50 per cento. Un dato superiore per chi preferirebbe rimanere a casa si ha solamente da Malta (73 per cento), Paesi Bassi (69) e Cipro (69).

Per quanto riguarda i giovani che fino ad oggi si sono spostati dalla propria località di origine per lavorare, ben il 98 per cento degli italiani intervistati nella ricerca non si è mai spostato: si tratta del dato più alto di tutta l’Unione europea.

In Italia, secondo l’ISTAT, a novembre del 2017 i giovani disoccupati erano al 32 per cento, mentre il tasso generale di disoccupazione era quantificato al 7,2.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Orban: "La nostra legge non è contro i gay ma sulle famiglie, non la ritiriamo"
Esteri / Miami, crolla palazzo di 12 piani in zona residenziale: “Si temono molte vittime”
Esteri / Morto in carcere il “papà” del primo antivirus per computer
Ti potrebbe interessare
Esteri / Orban: "La nostra legge non è contro i gay ma sulle famiglie, non la ritiriamo"
Esteri / Miami, crolla palazzo di 12 piani in zona residenziale: “Si temono molte vittime”
Esteri / Morto in carcere il “papà” del primo antivirus per computer
Esteri / Un web designer ha chiamato suo figlio HTML
Esteri / Così il dittatore torna “utile”: l’Ue offre 3,5 miliardi alla Turchia di Erdogan per bloccare i migranti
Esteri / Britney Spears: “Basta tutela paterna, rivoglio la mia vita”. E porta in tribunale la famiglia
Esteri / Scuole bombardate e senza corrente elettrica: a Gaza iniziano gli esami di maturità
Esteri / Crisi umanitaria in Etiopia: raid contro un mercato nel Tigray, decine di vittime
Esteri / Mar Nero, russi sparano colpi di avvertimento contro una nave britannica
Esteri / Dimentica di essere sposato per via dell'Alzheimer e fa una seconda proposta alla moglie