Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:14
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Alcuni atti sessuali potranno essere censurati dai siti pornografici nel Regno Unito

Immagine di copertina

Il Digital Economy Bill, discusso in questi giorni dal parlamento a Londra, potrebbe mettere fuori legge alcune forme di sessualità considerate anomale e disdicevoli

Un nuovo disegno di legge in discussione al parlamento britannico potrebbe aprire la strada alla censura di moltissimi siti pornografici, o almeno di quelli che continueranno a offrire rappresentazioni esplicite di determinati atti sessuali.

Il Digital Economy Bill vuole infatti mettere al bando qualsiasi genere di atto che non sarebbe consentito pubblicare su un Dvd disponibile in commercio, il che limiterebbe notevolmente la rappresentazione della sessualità, escludendo molte forme di pornografia attualmente diffusi.

La norma è contenuta all’interno di una nuova legge sul digitale, nella parte relativa alle disposizioni con lo scopo di impedire ai bambini di accedere a siti web per adulti.

Gli attivisti hanno già etichettato questo disegno di legge come un’invasione nella vita sessuale delle persone. Jodie Ginsberg, amministratrice delegata dell’organizzazione Index on Censorship, ha dichiarato: “La regolamentazione di quale tipologia di sesso consensuale tra adulti possa essere visualizzato da un pubblico adulto non dovrebbe riguardare il governo”.

Foto e video che mostrano sculacciate, frustate, l’atto dell’urinare, l’eiaculazione femminile o il ciclo mestruale, ma anche il sesso in pubblico rischiano di rientrare tutti nel divieto.

Eventuali modifiche al Digital Economy Bill saranno discusse presso il parlamento britannico la prossima settimana, secondo il Dipartimento per la Cultura. Karen Bradley, Segretario di Stato per la Cultura, Media e Sport, ha dichiarato: “Il governo si impegna a mantenere i bambini al sicuro da contenuti pornografici dannosi online, e questo è esattamente quello che stiamo facendo”.

In molti hanno protestato soprattuto perché alcuni degli atti contenuti nella lista, come l’eiaculazione femminile, non sono gesti di violenza  e non avrebbero ragione di essere quindi considerati come contenuti in grado di creare esempi negativi per gli utenti.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia, neonazista apre il fuoco in una scuola: almeno 13 morti, tra cui 7 bambini
Esteri / Trionfo Meloni, esultano Orban e Le Pen: “Vittoria meritata”. Premier Borne: “Vigileremo sul rispetto dei diritti umani”
Esteri / Iran: uccisa con 6 proiettili la 20enne Hadis Najafi mentre manifestava per Mahsa Amini
Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia, neonazista apre il fuoco in una scuola: almeno 13 morti, tra cui 7 bambini
Esteri / Trionfo Meloni, esultano Orban e Le Pen: “Vittoria meritata”. Premier Borne: “Vigileremo sul rispetto dei diritti umani”
Esteri / Iran: uccisa con 6 proiettili la 20enne Hadis Najafi mentre manifestava per Mahsa Amini
Esteri / Russia: 800 manifestanti arrestati per le proteste contro la mobilitazione in tutto il Paese
Esteri / Corea del Nord lancia missile balistico nel mar del Giappone
Esteri / Servizio militare, Putin: “Pene più dure a chi diserta o si arrende”. L’Ue: favorire asilo per chi scappa
Esteri / Josep Borrell: “Prendiamo sul serio minaccia nucleare di Putin”
Esteri / Yvon Chouinard: storia del fondatore di Patagonia, che ha deciso di donare la sua azienda per il clima
Esteri / Ucraina, missile russo su Zaporizhzhia: un morto e 7 feriti
Esteri / Morti oltre 80 migranti al largo della Siria. Le famiglie sul barcone cercavano di raggiungere l'Europa