Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:23
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Dazi Cina Usa, la lettera di Nike, Adidas e altri 171 gruppi a Trump per fargli cambiare idea

Immagine di copertina

Dazi Cina Usa – Una lettera al presidente Donald Trump per fargli cambiare idea sui dazi sui beni prodotti in Cina. L’hanno inviata alcune delle maggiori aziende del settore calzaturiero e sportswear, tra cui anche le note Nike e Adidas, che potrebbero essere danneggiate dalle importazioni dall’Asia.

Dazi Cina Usa | La lettera di Nike e Adidas a Trump

La missiva è stata sottoscritta precisamente da Nike, Adidas e altre decine di produttori, che hanno definito i dazi “catastrofici per i nostri clienti, le nostre aziende e l’economia americana in generale”. Nella lunga lista delle società (complessivamente 173) ci sono anche Under Armour, Foot Locker, Ugg. L’appello a Trump e al segretario americano al Tesoro, Steven Mnuchin, e al consigliere economico del presidente, Larry Kudlow, è arrivato dopo che la scorsa settimana la Casa Bianca ha pubblicato un altro elenco di circa 300 miliardi di dollari di prodotti cinesi che potrebbero essere colpiti da un aumento delle tariffe del 25%.

Dazi Usa-Cina: cosa c’è da sapere sulla guerra commerciale tra i due paesi

Dazi Cina Usa | Il costo per i consumatori

Nella lista sono finiti tutti i tipi di scarpe: dalle sneakers ai sandali, dalle scarpe da golf agli stivali da pioggia, fino agli scarponi da sci. Nella lettera da catene e negozianti viene chiesto chiesto di “rimuovere immediatamente le calzature” dall’elenco dei beni colpiti dall’aumento dei dazi. Le aziende, rivolgendosi all’amministrazione Usa, hanno scritto che “la vostra proposta di aggiungere dazi a tutte le importazioni dalla Cina equivale a chiedere ai consumatori americani di farsi carico dei costi. È ora di mettere fine a questa guerra commerciale”.

Secondo alcune stime il costo dei dazi del settore potrebbe costare 7 miliardi di dollari l’anno. “Aggiungere un aumento del 25% significherebbe che alcune famiglie americane potrebbero arrivare a pagare un dazio del 100% sulle loro scarpe. Questo è inaccettabile”, è uno dei passaggi della lettera, redatta su iniziativa dell’organizzazione commerciale The Footwear Distributors and Retailers of America (FDRA).

Ti potrebbe interessare
Esteri / “La Cina ha realizzato una app per spiare gli atleti alle Olimpiadi di Pechino”: l’accusa
Esteri / Crisi Russia-Ucraina, venti di guerra soffiano alle porte dell’Europa: cosa sta succedendo
Esteri / Crisi Ucraina-Russia, l’Italia rischia di trovarsi in prima linea al costo di 78 milioni di euro
Ti potrebbe interessare
Esteri / “La Cina ha realizzato una app per spiare gli atleti alle Olimpiadi di Pechino”: l’accusa
Esteri / Crisi Russia-Ucraina, venti di guerra soffiano alle porte dell’Europa: cosa sta succedendo
Esteri / Crisi Ucraina-Russia, l’Italia rischia di trovarsi in prima linea al costo di 78 milioni di euro
Esteri / “Il dilemma di Draghi”: la stampa internazionale si divide sull’ipotesi dell’ex banchiere al Quirinale
Esteri / Ucraina, la Nato annuncia l’invio di forze in Europa orientale. Il Cremlino: “L’Occidente aumenta le tensioni“
Esteri / Anche l’Economist volta le spalle a Draghi: “La sua candidatura al Quirinale un male per l’Italia e l’Europa”
Esteri / Un uomo è sopravvissuto dopo aver viaggiato per 10 ore nel carrello di un aereo partito dal Sudafrica
Esteri / Usa ordinano alle famiglie dei diplomatici di lasciare l’Ucraina. Sconsigliano viaggi anche in Russia
Esteri / Usa, rifiuta di indossare una mascherina in volo e si abbassa i pantaloni: 29enne rischia fino a 20 anni
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami