Covid ultime 24h
casi +19.644
deceduti +151
tamponi +177.669
terapie intensive +79

Arrestata in Danimarca la figlia di Choi Soon-sil, al centro della crisi politica sudcoreana

Chung Yoo-ra, 20 anni, è un'amazzone professionista che si allena in Germania ed è coinvolta nello scandalo che ha travolto la madre e la presidente Park

Di TPI
Pubblicato il 2 Gen. 2017 alle 12:23 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 21:34
0
Immagine di copertina

La polizia danese ha arrestato una cittadina sudcoreana di 20 anni per essersi introdotta illegalmente in Danimarca lunedì 2 gennaio 2017.

Si tratta di Chung Yoo-ra, figlia di Choi Soon-sil, la donna al centro dello scandalo sulle pressioni indebite esercitate sul governo della presidente sudcoreana Park Geun-hye.

Anche Chung, una amazzone professionista, è legata allo scandalo che coinvolge la madre e su di lei pendono diversi capi d’accusa tra cui l’aver alterato i propri documenti accademici.

La donna, che svolge i suoi allenamenti in Germania, è stata fermata nella città danese settentrionale di Aalborg.

Chung ha dichiarato alla polizia danese di trovarsi nel paese per attività legate alla sua professione e durante la perquisizione dell’abitazione dove alloggiava è stato trovato equipaggiamento equestre.

Insieme alla donna sono state prese in custodia altre quattro persone incluso un minore di due anni la cui identità non è stata resa nota, ma che potrebbe essere il figlio della stessa Chung. Le altre tre persone sono due uomini, probabilmente di cittadinanza coreana, tra i venti e i trent’anni e una donna di circa sessant’anni.

Tra la Corea del Sud e la Danimarca esiste un trattato per l’estradizione e Seul chiederà il rimpatrio a stretto giro.

Il ministero degli Esteri di Seul aveva in precedenza annullato la validità del passaporto di Chung e aveva chiesto alle autorità tedesche di verificare dove si trovasse la ragazza e quali fossero i suoi beni in Germania.

L’impeachment della presidente della Corea del Sud Park Geun-hye

Park, 64 anni, è stata travolta da gravi accuse circa le presunte ingerenze esercitate dall’amica Choi sugli affari di stato, ma ha sempre negato ogni coinvolgimento.

Lo scandalo ha portato nelle piazze sudcoreane centinaia di migliaia di dimostranti.

Il parlamento ha votato l’impeachment il 9 dicembre scorso.

La Corte costituzionale ha sei mesi di tempo dal voto parlamentare per decidere se confermare o ribaltare la messa in stato di accusa.

Park, il cui padre ha governato la Corea del Sud per 18 anni dopo il colpo di stato del 1961, potrebbe diventare il primo presidente sudcoreano democraticamente eletto a essere rimosso dal proprio incarico.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.