Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:20
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il crollo della sterlina e un Regno Unito più debole della Francia

Immagine di copertina

La vittoria del Leave ha causato un crollo netto del valore della sterlina, e il Regno Unito viene superato dalla Francia nel ranking delle principali economie mondiali

La vittoria del leave ha avuto un effetto immediato sui mercati valutari, causando un crollo del valore della sterlina dell’oltre il 10 per cento, rispetto al dollaro americano.

Nelle prime ore della mattinata, una sterlina inglese valeva 1,33 dollari americani: era dal 1985 che non si registravano dei livelli così bassi. Già nelle ore successive ha segnato un rialzo a 1,40 dollari, una leggera ripresa dopo lo shock iniziale.

La sterlina non solo si è indebolita contro il dollaro americano, ma anche rispetto allo yen (del 16 per cento) e all’euro (7,2 per cento).

La volatilità della valuta britannica in queste ore è la più alta di sempre: variazioni del genere non erano state osservate neanche nel mercoledì nero del 1992, quando la sterlina era stata ritirata dal Meccanismo di cambio europeo per le eccessive speculazioni ribassiste su di essa.

Negli ultimi giorni George Soros, imprenditore americano che in quell’occasione fece profitti per un miliardo, aveva predetto una grandissima svalutazione del pound, in caso di vittoria del fronte a favore di Brexit. Secondo le sue previsioni, sarebbe persino potuto scendere all’1,15 sul dollaro americano. Ciò avrebbe portato alla parità tra sterlina ed euro.

Il crollo della sterlina ha avuto ripercussioni anche sul piazzamento del Regno Unito nel ranking delle principali economie mondali: il paese scende al sesto posto, superato dalla Francia.

Ti potrebbe interessare
Esteri / A dieci ore dal gol vittoria, il calciatore Christian Atsu tra i dispersi del sisma in Turchia
Esteri / Bimbo di 6 anni ordina mille dollari di cibo con lo smartphone del padre: “Non so se ridere o arrabbiarmi”
Esteri / “Peccato, avrebbe potuto vincere”: l’ironia della portavoce russa sull’assenza di Zelensky in video a Sanremo
Ti potrebbe interessare
Esteri / A dieci ore dal gol vittoria, il calciatore Christian Atsu tra i dispersi del sisma in Turchia
Esteri / Bimbo di 6 anni ordina mille dollari di cibo con lo smartphone del padre: “Non so se ridere o arrabbiarmi”
Esteri / “Peccato, avrebbe potuto vincere”: l’ironia della portavoce russa sull’assenza di Zelensky in video a Sanremo
Esteri / I quoll rischiano l’estinzione: non dormono per fare più sesso
Esteri / Tragedia in Francia: morti 7 bambini e la loro madre in un incendio. Grave il padre
Esteri / Terremoto: colpita anche Aleppo, già martoriata dalla guerra civile | VIDEO
Esteri / Terremoto in Turchia, le immagini della devastazione | VIDEO
Esteri / “Putin mi ha promesso che non ucciderà Zelensky”: il racconto dell’ex premier israeliano
Esteri / Papa Francesco, concluso il viaggio in Africa: “I cristiani possono cambiare la storia”
Esteri / La Cina minaccia “azioni in risposta” all’abbattimento del pallone spia che sorvolava gli Stati Uniti